>>>Abu Dabi senza sosta
Foto: Jishant Manto / Shutterstock.com

Abu Dabi senza sosta

Allunga il tuo scalo ad Abu Dabi e lasciati sedurre dall’atmosfera futurista di questa città nel cuore del deserto. Ferrari, il Louvre e il Guggenheim lo hanno già fatto.
A

d Abu Dabi si vive di corsa. Non tanto quanto le vetture della Formula 1, che dal 2009 corrono a tutta velocità sul circuito di Yas Marina, ma quanto basta per far sì che la città abbia trasformato in meno di 60 anni le sue case di mattoni e canne in grattacieli di vetro e alberghi a cinque stelle. La magia dei petrodollari ha trasformato questo insediamento di origine nomade in un centro finanziario, con un numero infinito di Rolls Royce e Maserati.

Abu Dabi in arabo significa “terra di gazzelle” e forse questo ha a che fare con il ritmo vertiginoso con il quale ha portato avanti il suo sviluppo urbanistico. Uno degli esempi più spettacolari è Saadiyat, un’isola che accoglierà le opere degli architetti più prestigiosi del mondo in 27 chilometri quadrati. Le succursali arabe del Guggenheim e del Louvre, progettate rispettivamente da Frank Gehry e Jean Nouvel, condividono la scena con lo Zayed National Museum di Norman Foster. Completano l’offerta culturale il Museo Marittimo di Tadao Ando e il Centro di Arti Sceniche della defunta Zaha Hadid. Lusso e cultura che lasciano presagire una crescita turistica simile a quella della vicina Dubai.

Yas Viceroy Hotel
Yas Viceroy Hotel è costruito sul circuito di Formula 1 dove si celebra l’Abu Dhabi Grand Prix.
Foto: Sophie James / Shutterstock.com

Ritmi opposti

La vita accelerata della città è in contrasto con la quiete del deserto Rub Al Khali, dove il tempo sembra essersi fermato tra le sue dune. Per esplorarlo con la calma che merita, l’ideale è alloggiare a Qasr Al Sarab, un complesso di lusso che imita una fortezza araba nascosta tra la sabbia.

Ma la capitale degli Emirati Arabi Uniti non è fatta solo di design ultramoderni di architetti rinomati. L’oro nero ha il suo riflesso sull’impeccabile marmo bianco della Grande Moschea Sheikh Zayed. Inaugurata nel 2007, è costituita da più di 1.000 colonne e 82 cupole, una costruzione che combina diversi stili islamici. Lampade ricoperte in oro 24 carati e il tappeto tessuto a mano più grande del mondo, adornano questo luogo sacro per i musulmani.

Il Ferrari World è un’altra delle attrazioni principali, un vero e proprio elogio della velocità. Il parco tematico al suo interno è il più grande del mondo e omaggia la casa automobilistica italiana con uno spazio di oltre 86.000 metri quadrati. È stato costruito in soli tre anni e nella fabbricazione del suo tetto è stata utilizzata una quantità di alluminio pari a 16.750 automobili. Formula Rossa, la montagna russa più veloce del mondo, aggiunge un po’ di adrenalina in più, permettendo di sperimentare ciò che sentono Vettel e Räikkönen quando pilotano la propria monoposto.

Qasr Al Sarab
Il deserto in cui è situato il lussuoso resort Qasr Al Sarab è la massa di sabbia più grande del pianeta.
Foto: Qasr Al Sarab Desert Resort by Anantara

Questo bisogno di vivere intensamente viene trasmesso anche ai visitatori. Scalo abituale per i lunghi voli, gli stessi uffici turistici promuovono visite mordi e fuggi. “Anche ciò che è breve può essere bello” reclamano le brochure, presentando diversi itinerari in base al tempo di cui dispongono i passeggeri. Un visto speciale per i passeggeri in transito permette di esplorare la città fino a un massimo di quattro giorni, mentre linee aeree come Etihad Airways si occupano di gestire le prenotazioni degli alberghi e delle attività, per rendere lo scalo ancora più comodo.

Corniche Beachfront, Abu Dhabi
Il deserto in cui è situato il lussuoso resort Qasr Al Sarab è la massa di sabbia più grande del pianeta.
Foto: M Salem / Shutterstock.com

Tuttavia Abu Dabi può essere visitata anche senza fretta. È possibile, ad esempio, percorrere con calma gli otto chilometri del lungomare della città, conosciuto come Corniche, oppure salire in cima all’Osservatorio delle Etihad Towers e apprezzare la metropoli dall’alto, o ancora, i buongustai potranno partecipare al tradizionale rituale del caffè nel sontuoso hotel Emirates Palace. Il suo Palace Capuccino va sorseggiato lentamente, viene spolverato con delle scaglie d’oro 24 carati e a nessuno piace strozzarsi con un pezzetto di oro.

Articoli correlati

Il Louvre e il Guggenheim sull’isola

Con quattro musei e un centro culturale progettato dai cinque vincitori del premio Pritzker, l'isola di Saadiyat, ad Abu Dhabi,...

Quartieri che risorgono

Può un sobborgo marginale diventare il quartiere più bello della città? New York, Barcellona, ​​Hong Kong e Buenos Aires sanno...

Se non compri, non sei a Hong Kong

A Hong Kong è possibile fare shopping fino allo sfinimento. Ma non illuderti di trovare cose a buon mercato. La...

Un’isola fatta a mano

La febbre del "D.I.Y" (do it yourself), ovvero del fai-da-te, non è nuova. In Perù aveva già preso piede molti...