>>>Dove fare il miglior bagno della tua vita

Dove fare il miglior bagno della tua vita

Piscine artificiali o naturali, di acqua dolce o salata, in un hotel, nel mare o in mezzo alla foresta. Nuotate che non dimenticherai
A

nche se ti bruceranno, tieni gli occhi ben aperti, perché sarà la migliore nuotata della tua vita. Oggi ti sveliamo i dieci luoghi migliori del mondo dove galleggiare e godere. Immergiti nel paradiso e goditi il paesaggio.

Swimmer in Giola lagoon
1. Laguna Giola (Thassos, Grecia)

Una parete di roccia separa questa piscina naturale dell’isola di Thassos dal mare. Quando sale, la marea inonda la dolina, e quando scende lascia dietro di sé una piscina calma, con acque cristalline, affacciata direttamente sul mar Egeo.

 

Swimmer on the platform at Samulá cenote
2. Cenote Samulá (Valladolid, Messico)

Nella penisola dello Yucatan si nasconde una caverna sotterranea che, a sua volta, cela una sorprendente piscina naturale. La piattaforma costruita su di essa permette di avvicinarsi al centro di questa piscina, dandoti in questo modo la possibilità di nuotare, immergerti o fare tuffi di testa nella sua parte più profonda.

Young swimmer in one of the Lençóis Maranhenses lagoons
3. Lençóis Maranhenses (Maranhão, Brasile)

Tra le lenzuola (“lençóis”, in portoghese) di sabbia del deserto di Maranhão, da giugno a settembre, l’acqua della pioggia si accumula formando lagune di acqua dolce. Questo mare di dune e lagune si estende per 70 chilometri sulla costa e si addentra per 50 chilometri verso l’interno.

Moniz volcanic formations
4. Formazioni vulcaniche di Moniz (Madeira, Portogallo)

Una parete di lava solidificata separa l’oceano da questa piscina naturale con acque cristalline. Una struttura artificiale di passerelle facilita l’accesso e una nursery “libera” i genitori, affinché possano rilassarsi in pace.

 

 

Pool at the Bondi Beach Iceberg Club
5. Bondi Icebergs Club (Sidney, Australia)

Dal 1929, questa “estensione” dell’Oceano Indiano sulla spiaggia di Bondi Beach offre la possibilità di farsi un bagno senza urtare i surfisti in attesa delle onde. Oltre al club offre sauna e ristorante con vista.

Red pool at The Library hotel on Koh Samui
6. Red Pool dell'hotel The Library (Thailandia)

Sull’isola thailandese di Koh Samui, l’hotel The Library offre un colorato bagno di acqua dolce con vista sul mare ai piedi della spiaggia. Il fondale rosso fa pendant con gli ombrelloni e contrasta con l’azzurro dell’oceano a un palmo dalle tue dita.

 

 

Bathing in the Devil's Pool
Foto: StanislavBeloglazov / Shutterstock.com
7. La piscina del diavolo (Zambia e Zimbawe)

Se soffri di vertigini allora è meglio non avvicinarsi. Tra lo Zambia e lo Zimbawe si trova questa piscina naturale, che si affaccia sulle cascate Vittoria, a un’altezza di 100 metri. È permesso fare il bagno solo quando la portata dell’acqua è più bassa, tra ottobre e dicembre

Pool at the One&Only Reethi Rah hotel
8. Lap Pool del Resort One&One Reethi Rah (Maldive)

Con un letto di pietra dai piedi intagliati e una jacuzzi, è la piscina (solo per adulti) più fotografata delle tre presenti in questo resort. E non a torto. Nasce sulla spiaggia e si addentra per 30 metri nell’Oceano Indiano.

 

To Sua Ocean Trench, in Samoa
9. To Sua Ocean Trench (Upolu, Samoa)

Trenta metri sotto la fitta vegetazione della foresta dell’isola di Upolu, una piscina naturale dalle acque turchesi sorprende chiunque ci si affacci. Per raggiungerla bisogna scendere per una ripida scala di legno, ma il panorama e il bagno compensano le vertigini.

Two swimmers in the Swala Sanctuary pool
10. "Infinity pool" del Sanctuary Swala (Arusha, Tanzania)

Questo campeggio di lusso si trova nel cuore del Parco Nazionale di Tarangire, circondato da baobab e in armonia con la fauna della savana. Dalla sua “infinity pool” è possibile osservare elefanti, giraffe e altri animali in piena migrazione annuale.

Articoli correlati

Il curioso caso del gene del viaggio

Il DNA è responsabile del colore dei nostri occhi, ma un singolo gene può definire il modo in cui vediamo...

Texas al natural

Ranchos, rodei, stivali da cowboy... niente di tutto questo. Promettiamo di non citarli nemmeno. Cosa resta allora? Natura allo stato...

Un’isola fatta a mano

La febbre del "D.I.Y" (do it yourself), ovvero del fai-da-te, non è nuova. In Perù aveva già preso piede molti...

Fogo Island: dal merluzzo all’arte

Negli anni novanta Fogo Island viveva di pesca. Colpita dalla crisi, questa piccola isola canadese si è trasformata in un...