>>>#Giordania con gli occhi di un "instagramer"
Foto: Michael Tuquib

#Giordania con gli occhi di un “instagramer”

Nessuno può resistere ad un selfie nel deserto di Wadi Rum, uno dei luoghi più fotogenici del paese. Perché oltre a Petra, la Giordania offre molte alternative per chi desidera atteggiarsi sui social.
I

tramonti non mancano mai. Ancora meno quelli sul Mar Morto. Il cielo arancione si unisce a intense tonalità rossastre e al riflesso ocra della terra. Una gamma di colori così perfetta che non ha bisogno di filtri per ottenere dei “likes”. Nemmeno “Valencia”, il più utilizzato nelle foto naturalistiche. Ma i tramonti della Giordania non sono l’unica risorsa degli “instagramers”.

 

Sono state oltre 95.000 le fotografie condivise con l’hastag #visitjordan e, nonostante Petra sia la musa di molte di queste foto, la Giordania offre un’infinità di cartoline. Per diventare un “influencer” bisogna dettare le tendenze ed essere originali. Per questo usciamo dall’inquadratura “mainstream”, con la facciata del Tesoro come sfondo, per visitare il Mar Morto e il deserto di Wadi Rum. Paesaggi unici, quasi extraterrestri e molto … “instagrammabili”.

 

Un selfie sul Monte Nebo

Il selfie è il tipo di foto più presente su Instagram. Un buono sfondo è il Monte Nebo, il luogo sul quale, secondo la Bibbia, Mosè ebbe la visione della Terra Promessa. Oggi quello che si vede da questa vetta a 800 metri è il Mar Morto.

L’hashtag #deadsea (Mar Morto) raggruppa oltre 4.000 foto. Ci sono tramonti ma soprattutto corpi senza complessi, cosparsi di fango, felici. Perché galleggiare nel Mar Morto – l’alta densità e i livelli di sale lo permettono – non è solo questione di chimica ma è una sensazione ideale per chi desidera perdersi in Giordania. Scott Brown (@skipbroon) e la sua ragazza Christine non hanno esitato a cospargersi di fango da capo a piedi. E siccome la foto è tutto, prima di uscire dall’hotel e dirigersi verso il Mar Morto, ha preso un giornale dalla reception. “Si galleggia senza sforzi ed è questo a rendere le foto cool”, spiega e i “likes” gli hanno dato ragione.

 

 

Foto che, oltretutto, non solo resteranno nella memoria collettiva, ma che sono diventate delle nuove mappe. Durante il viaggio Brown mostrava alla sua guida Mo (che aveva Indiana Jones come suoneria del telefono) le foto dei luoghi che avrebbe voluto visitare. È così che è riuscito a raggiungere località fuori dal circuito prestabilito. Il deserto di Wadi Rum ha superato tutte le sue aspettative. “Ci sono villaggi in cui passare la notte, vedere il tramonto e guardare le stelle in cieli completamente limpidi, senza inquinamento”.

 

Nature can't be defeated. 🌅 #mykillstravels #MykillJordan

A post shared by mykillburn (@mykillburn) on

Per Michael Tuquib (@mykillburn) è stato come “esplorare un altro pianeta” e “camminare sulla luna”. “Fare dei falò, dormire fuori dalla tenda, osservare le stelle e sentire la fresca brezza notturna del deserto arabo è una delle esperienze più meravigliose e rilassanti che io abbia mai fatto”, ricorda questo infermiere part time ed esploratore a tempo pieno. Sognava di attraversare il paese dopo che, da bambino, aveva visto una foto della Giordania in un calendario. Il suo viaggio lo ha portato indietro nel tempo per poi tornare nel XXI secolo per condividere oltre 100 fotografie delle sue avventure attraverso il paese.

 

La scusa migliore per tornare a completare il suo album è stato il fatto che gli sia mancato di fare “check in” in alcune località, come ad esempio la vicina gola di Wadi Mujib, la Riserva Naturale alla minor altitudine del mondo, 400 metri sotto il livello del mare, nominata Riserva della Biosfera dall’Unesco nel 2011. La sua bellezza paesaggistica rientra perfettamente nell’hashtag #avventura, infatti l’attività maggiormente praticata è il torrentismo attraverso i suoi canyon. Anche Ammán e Aqaba sono destinazioni molto fotogeniche, dal labirinto di chioschi della capitale fino alla calma dei banchi di pesce della città portuaria.

 

Per i viaggiatori come Michael Tuquib la Giordania resta “nel cuore” mentre, allo stesso tempo, i non viaggiatori potranno visitare il paese almeno attraverso Instagram.

 

Prenota il tuo viaggio in Giordania

 

Pa-KISS! 😘 #mykillstravels #MykillJordan

A post shared by mykillburn (@mykillburn) on

Articoli correlati

Giordania per nomadi

650 chilometri in 40 giorni. Il Jordan Trail, il nuovo percorso che attraversa la Giordania da nord a sud, è...

Grotte, palazzi e Zaha Hadid

I nabatei, i romani e Norman Foster hanno lasciato la loro impronta sulla calde terre giordane. Le loro opere raccontano...

Giordania: regni scomparsi, lucertole azzurre e gladiatori

Trasformarsi in Indiana Jones è solo l'inizio. Ai bambini piacciono le storie e la Giordania ne è piena, di vere...

La Giordania al dente

La gastronomia della Giordania è famosa por i suoi contrasti culturali. Gli stufati beduini si mischiano con i sapori dei...