>>>Il segreto del vino canadese
I laghi che circondano il paese del vino canadese aiutano a mitigare le temperature, proteggendo il raccolto.
Foto: Wines of British Columbia, WineBC.com

Il segreto del vino canadese

Il Canada ha il proprio paese del vino. La Columbia Britannica si è trasformata in una destinazione alla moda per "enoturisti" e coppie in cerca di relax.
G

li piovono addosso molteplici soprannomi, ma non ha eguali. La Columbia Britannica è la Napa del nord e la Florida canadese. Le Montagne Costiere la proteggono dall’umidità del Pacifico, creando un microclima con condizioni simili a quelle del deserto. Non sono i 20º C di media di Miami, ma il contrasto con le terre gelide del resto del paese è bastato a farle guadagnare il soprannome.

Deve ringraziare il suo clima: la temperatura estrema ha dato vita a una bevanda sorprendente. Dal vino di ghiaccio ai Merlot aromatici. Quando l’uva cresce riceve due ore di sole in più rispetto a Napa Valley, il paradiso del vino californiano. Con il vantaggio che la Columbia Britannica è ancora un angolo inesplorato.

Mission Hill Family Estate Winery
Mission Hill Family State è una delle cantine più conosciute della valle di Okanagan. Oltre a un tour, qui organizzano corsi di cucina.
Foto: Wines of British Columbia, WineBC.com

Il dolce inverno

Quando finisce la vendemmia inizia la stagione del vino di ghiaccio. L'uva resta sulla vigna fino a quando le temperature non hanno raggiunto i -8º C, tra novembre e febbraio. Il vino arriva in tavola sotto forma di dolce "liquido dorato", ideale per accompagnare i dessert.

I primi vigneti furono piantati nel 1859. Pochi puntavano sulla regione, troppo a nord per far crescere l’uva. Ma si sbagliavano. Alle diciassette cantine degli inizi degli anni novanta se ne aggiungono, ora, più di 200. Al momento richiamano circa un milione di visite l’anno e i vini sono sempre più apprezzati, soprattutto quelli di ghiaccio, una specialità. Il Canada ne è il maggiore produttore a livello mondiale. Nel 2015 ricevettero 2.100 premi e persino Karen MacNeil, autrice del libro “The Wine Bible” ha elogiato la “sensazione di purezza” che possiedono. Una purezza che, secondo la scrittrice, si mimetizzava con il paesaggio, l’aria fresca e l’acqua del lago. “Eterea e accattivante”.

 

L’isola di Vancouver, la valle di Fraser e le isole del Golfo fanno parte di questo paese del vino canadese, ma il 90% dei vigneti si trova nelle valli di Okanagan e Similkameen, a quattro ore da Vancouver. Occupano le colline, circondate da laghi come quello di Osoyoos o Kelowna. È vicino a quest’ultimo che nacque la tradizione vinicola della Columbia Britannica. Qui si trova la cantina più antica, Calona Vineyard, in servizio dal 1932, e altre 29 che si distribuiscono su cinque rotte del vino.

Burrowing Owl Vineyards, Oliver, BC
La maggior parte delle cantine offre la possibilità di alloggiare, come il Burrowing Owl Place. Ha una piscina all'aria aperta, una jacuzzi e una delle migliori colazioni della regione.
Foto: Wines of British Columbia, WineBC.com

Divertimento tutto l'anno

Nella valle di Okanagan, ogni stagione si celebra la festa del vino. I festival includono degustazioni, consegne di premi e molto formaggio (il miglior accompagnatore di un bicchiere di vino). Inoltre, in estate molte cantine organizzano festival all'aria aperta e picnic.

Ce ne sono di panoramiche, come la “Lakeshore Wine Route” che passeggia sulla sponda del lago Okanagan, o focalizzate su un’esperienza da gourmet, come la “Westside Wine Trail”, con tappa a Quail’s Gate, esperti nell’abbinare i propri vini con gli ingredienti locali. Nel loro menù prevale il tacchino, accompagnato da un Pinot Noir, e il filetto di Cache Creek. La rotta “Kelowna Fab Five” passa per cinque cantine, distribuite lungo cinque miglia. Include The Vibrant Vine, l’unica con una sala degustazione decorata con arte 3D. È una delle più attive, con musica dal vivo e musical all’aria aperta durante i mesi estivi.

Cena entre viñedos en Okanagan Valley
La valle di Okanagan ha 43 ristoranti-cantine, dove i vini si incontrano con la cucina locale.
Foto: Wines of British Columbia, WineBC.comFoto: Wines of British Columbia, WineBC.com

Ai concerti si aggiungono altre attività, come lo yoga, il kayak e il trekking, tra le montagne o i vigneti. In autunno, varie cantine offrono l’occasione di prendere parte alla vendemmia, ed è possibile persino pigiare l’uva. Una di queste è la Dirty Laundry Vineyards. Ma c’è dell’altro: “paddleboard”, lezioni di cucina o maratone che terminano con un picnic, bagnato dai migliori vini della regione. Il paese del vino canadese ha molto di più da offrire che un calice in una terrazza con vista lago. Non gli mancano certo i soprannomi.

Articoli correlati

Di Venezia non ce n’è una sola

Venezia è così romantica che tutti ne vorrebbero una. Anche Cina, Olanda e Messico hanno la propria città dei canali.

New York oltre i grattacieli

Lontano dal trambusto di Manhattan, lo stato newyorchese ha molto da offrire. Scopriamo il volto più sconosciuto di New York.

Sarlat “gourmet”: dritto al fegato

La capitale del Périgord Nero si visita con l'acquolina in bocca. Gioielli gastronomici, come il suo "foie gras", attirano ogni...

Pantelleria, la terrazza siciliana sull’Africa

È un'isola vulcanica a cavallo tra Italia e Africa. Pantelleria, la perla nera del Mediterraneo. Le sue piscine termali e...