>>>Il segreto di Edimburgo a due metri sotto terra

Il segreto di Edimburgo a due metri sotto terra

La città sotterranea di Edimburgo scomparse nel XIX secolo, ma le storie di chi l'ha vissuta, sono più vive che mai.
S
e sei stato a Edimburgo, avrai passeggiato per il suo castello sulla Castle Hill, il Palace of Holyroodhouse, e, naturalmente, per il Royal Mile. E conoscerai la capitale della Scozia… ma non tutta. Edimburgo nasconde un segreto che pochi conoscono: una città sotto le sue fondamenta. Immergiti in questo mondo sotterraneo: entra nel Mary King’s Close. Si trova sotto gli edifici del centro storico (“Old Town”), murato dall’attuale Municipio della città, sul Royal Mile. Per molti anni è stato chiuso al pubblico, ma nel 2003 è stato riaperto come attrazione turistica, così sono riemerse le storie delle piaghe e degli omicidi che hanno avuto luogo qui.

Un gesto di solidarietà

A causa del gran numero di persone che portano giocattoli ad Annie in Mary King’s Close, è necessario ritirarli dalla sala ogni tre mesi. Tutti vengono donati ad associazioni di beneficenza che si occupano di distribuirli tra i più bisognosi.

La città sepolta di Edimburgo è sorta nel Medioevo. Lo spazio era limitato, non era possibile costruire altre case, e gli attacchi degli invasori impedivano alla città di espandersi, perché sarebbe stato pericoloso vivere al di fuori delle sue mura. I ricchi costruirono verso l’alto, cosa che portò alla creazione dei primi condomini nel XVI secolo, mentre i poveri costruirono verso il basso, creando una città sotterranea che si trova esattamente nello stesso luogo di oggi.
Le classi sociali più basse dovettero imparare a vivere in uno spazio lugubre, umido e senza ventilazione. Non arrivava la luce del sole, non avevano accesso all’acqua, e come se non bastasse, i rifiuti degli appartamenti della parte superiore venivano gettati qua giù. Le malattie non tardarono ad arrivare, ma fu la peste che trasformò questo luogo in una vera e propria necropoli. Quando qualcuno si ammalava, veniva isolato e chiuso in casa per contenere l’epidemia, per cui tutti i membri della famiglia finivano per essere contagiati. I cadaveri venivano ammassati nelle strade di questa città sotterranea, in attesa che i becchini passassero per raccoglierli.

Il medico dalle sembianze di un uccello

Una figura completamente coperta, con guanti di pelle e una spaventosa maschera di uccello passeggiava tra le case del vicolo. Niente panico, nonostante il suo aspetto, era tra i pochi che si avvicinavano ai malati. Era il dottor George Rae e si vestiva così per evitare possibili contagi.

Nel 1902 il vicolo venne chiuso. Il suo ultimo abitante, Andrew Chesney, fu costretto ad andarsene, e da allora la strada rimase inaccessibile, permettendo a questo labirinto di vicoli di conservare il suo aspetto oscuro. Diverse agenzie, come The Real Mary King’s Close, offrono tour per permettere ai visitatori di sperimentare in prima persona com’era la vita in questo luogo. Travestiti come gli abitanti, le guide condivideranno con te storie come quella di Annie, il fantasma di una bambina di otto anni che, secondo quanto dicono, fu abbandonata dai suoi genitori quando contrasse la peste. Fu scoperta da una medium giapponese che spiegò che la bambina era triste perché aveva perso la sua bambola di pezza.
Questa cosa dette vita a una tradizione, secondo la quale i visitatori di tutto il mondo vengono per portare peluche alla piccola fantasma. Ma non è l’unico spirito che abita in Mary King’s Close. Alcune persone affermano di avere sentito dei passi, e un lavoratore sostiene di aver immortalato una sagoma spettrale con una delle telecamere utilizzate nei tour. Se ti piacciono le storie di fantasmi e vuoi davvero conoscere Edimburgo, dimenticati del Royal Mile e fai una passeggiata nelle sue viscere.

Articoli correlati

Il Capodanno più lungo

Se non ne hai mai abbastanza del veglione di Capodanno, vieni a Edimburgo. Qui festeggiano l'Anno Nuovo per tre giorni...

Coober Pedy: vivere sotto terra

Dopo che i "forty-niners" rasero al suolo le "dorate" terre della California, l' "outback" australiano scatenò un'altra febbre più silenziosa,...

Roma, eternamente giovane

È la città eterna perché in essa si fondono passato, presente e futuro. Ma anche perché Roma è capace di...

Immergiti tra i musei

Arte sottomarina? Lanzarote ha aperto un museo a dodici metri di profondità. A Cancun si trova il più grande del...