>>>La nuova mecca dell'arte
Foto: Elizabeth Daniels

La nuova mecca dell’arte

Los Angeles, capitale mondiale del divertimento e terra di sognatori, è diventata l'epicentro dell'arte contemporanea.
Un’ondata di artisti, collezionisti e galleristi stanno invadendo le strade della città di Los Angeles, trasformandola. Per rendersene conto basta passeggiare per il centro della città: sono finiti i tempi in cui le strade erano deserte, e di notte si trasformavano in veri e propri ghetti. Oggi quelle stesse strade, che bisogna vivere in prima persona, sono il cuore dell’avanguardia artistica.
Il Moca Grand Avenue è un'opera del famoso architetto giapponese Arata Isozaki.
Foto: MOCA

L'arte esce in strada

A Los Angeles, l'arte è intesa come qualcosa di vivo e che deve essere vissuto. Per questo vengono organizzate periodicamente le così "art walks" (passeggiate artistiche). Durante queste "passeggiate", residenti e turisti percorrono a piedi le strade nel bel mezzo di una festa, in cui le avanguardie artistiche fanno da padrone di casa.

Nel centro del Downtown, il nuovo The Broad Museum raccoglie quasi 2.000 opere di artisti della pop art americana, come Andy Warhol e Roy Lichtenstein. La facciata del palazzo, firmata dagli architetti Diller Scofidio e Renfro, ricorda un nido d’ape in titanio. All’interno di questa gigante struttura in vetroresina e acciaio è possibile provare la sensazione di infinito. Un esempio è l’installazione “Infinity Mirrored Room”, dell’artista Yayoi Kusama, in cui la cantante Katy Perry è stata fotografata nel giorno del suo compleanno.
A meno di cento metri ci sorprende la silhouette rossastra del MOCA Grand Avenue, la sede principale del Museo d’Arte Contemporanea di Los Angeles. Questa originale costruzione dell’architetto Arata Isozaki ha segnato, nella metà degli anni ’80, l’inizio di una nuova era culturale della città. Uno dei simboli è il Walt Disney Concert Hall, l’edificio in titanio progettato da Frank Gehry.
L'opera di Yayoi Kusama si basa sul concetto di arte concettuale ed esprime l'universo ossessivo dell'artista attraverso la psichedelia e la ripetizione.
Foto: The Broad

Arte stravagante

Lungo la Walk of Fame, c'è un posto in cui trovare tutti i tipi di oggetti straordinari, provenienti dai luoghi più remoti della Terra: teste rimpicciolite, transformers giganti o pesci pelosi sono alcune delle curiosità che è possibile vedere nel Ripley’s Believe It or Not! Odditorium.

Anche a Beverly Hills, il quartiere dove convivono sontuosi palazzi e boutique di lusso, c’è spazio per l’arte contemporanea. Un bosco di lampioni dà il benvenuto al Los Angeles County Museum of Art (LACMA). Si tratta della leggendaria opera “Urban Light”, con la quale migliaia di turisti si fanno una foto ogni giorno, lasciando testimonianza della visita su Instagram. Una volta attraversata questa peculiare foresta, ci aspettano altre sorprese. Per esempio l’installazione “Rain Room”, dove la scienza, l’arte e la tecnologia uniscono le loro forze per regalare una passeggiata sotto la pioggia nella città dell’estate eterna.
Ripleys Believe it or Not
Foto: Supannee Hickman / Shutterstock.com
Sulla strada verso la costa di Santa Monica, si trova un altro punto di interesse per gli amanti dell’arte contemporanea: il Bergamot Station Arts Center. Prende il nome da un’antica stazione e autorimessa di tram, che collegava Los Angeles con il molo di Santa Monica. Attualmente ospita diverse gallerie d’arte e altre strutture che ricevono 600.000 visitatori l’anno.
Nella capitale della West Coast, l’arte non si trova solo nei musei. Ci sono pennellate di genialità sparse in ogni angolo. Un esempio è il NoHo Arts District, a nord di Hollywood, un quartiere multiculturale dove ha messo radici la comunità artistica, o anche l’eclettico quartiere di Chinatown. Zone che crescono a una velocità impressionante, accogliendo ogni giorno una nuova galleria. Perché se c’è qualcosa di meraviglioso a Los Angeles è che, nonostante sia conosciuta come “la città più superficiale del mondo”, accoglie nuovi artisti e movimenti d’avanguardia senza alcun tipo di pregiudizio.

Articoli correlati

Vuoi dipingere come Monet? Allora viaggia!

Un viaggio attraverso gli scenari che hanno ispirato i quadri dei pittori più famosi al mondo: Parigi, il Monte Fuji,...

Lenovo Yoga Tab 3 Pro

Tablet di 10", con processore Intel Core i7, 16 GB di RAM e solo 1,29 chilogrammi di peso. Può essere...

Per i fan di Tim Burton

Dedicato al regista di "The Nightmare Before Christmas", "Willy Wonka e la fabbrica di cioccolato", il bar Beetle House (New...

Uno spettacolo di sale

Al suo interno ospita una pista da bowling, un teatro e un molo. Non è un centro commerciale, è Salina...