>>>Le nonne del mondo da amare, come le loro ricette
Gabriele Galimberti

Le nonne del mondo da amare, come le loro ricette

La cucina delle nonne è l'antidoto alla nostalgia, quando si è lontani da casa. L'amore che dedicano ai loro piatti ha conquistato il fotografo Gabriele Galimberti durante i suoi viaggi per il mondo.

È speciale, rassicurante e nostalgica. La cucina delle nonne è un ricordo che persiste nella mente, una tradizione con un peso importante nelle nostre vita e che Gabriele Galimberti ha tradotto nel libro “In Her Kitchen“. Questo fotografo italiano, che non era quasi mai uscito dal suo paesino, a 22 anni si è lanciato alla conquista del mondo.

Quando ha raccontato a sua nonna di volere percorrere più di 50 paesi in due anni per fare foto e intervistare persone, lei ha manifestato la sua più grande preoccupazione: “Ma, Bagonghi, cosa mangerai? Chi ti preparerà da mangiare? Ho sentito che in Cina mangiano i cani e in Africa non hanno quasi cibo!” Sapendo che il mondo è pieno di nonne che cucinano con amore ai propri nipoti, promise di andare nelle loro case a mangiare e poi riportare le foto e le ricette dei loro piatti. E dalla sincera preoccupazione di una nonna nacque “In Her Kitchen”.

Boonlom con los ingredientes de su plato.
Boonlom, oltre a cucinare per la sua famiglia, ha gestito tutta la vita una bancarella di "street food" a Bangkok.

Galimberti si accorse molto presto che le nonne che conosceva in ogni paese capivano realmente le preoccupazioni di sua nonna. “Non mi aspettavo di trovare così facilmente tante nonne disposte a far parte del progetto. Mi sorprendeva la loro reazione ogni volta che raccontavo la storia di mia nonna e del perché avevo deciso di iniziare questo progetto. Tutte si mostravano molto contente di farvi parte e si sforzavano di cucinare qualcosa di speciale”.

Le nonne che incontrava in ogni paese capivano a pieno la preoccupazione di sua nonna.

Manicaretti che sono un regalo per il cuore, che saziano solo con il loro profumo e strappano un sorriso, come quello dei bambini. “Ricordo come fosse ieri i pranzi a casa dei miei nonni, quando festeggiavamo eventi che segnavano il cambio di una stagione: la vendemmia dell’uva e il primo vino, la stagione delle zucchine e del cavolo della Toscana, l’uccisione del tacchino per i giorni di festa, il raccolto dell’anguria e del cocomero… Uno dei miei più bei ricordi è la raccolta delle olive e quel sapore delizioso, leggermente piccante, dell’olio appena spremuto”, afferma il fotografo.

Nei suoi viaggi ha conosciuto il mondo attraverso la gastronomia tradizionale, senza fronzoli, quella che oggi imitano chef del calibro di Jamie Oliver con il suo “comfort food”. Il libro delle ricette delle nonne è lungo e variegato, come ha potuto confermare Galimberti. Da Julia (71 anni) di La Paz, che gli ha preparato la ricetta del Queso Humacha, una zuppa di verdure e formaggio molto popolare in Bolivia. Poi c’è Maria Luz (53 anni), che cucina Iguana con riso e fagioli nelle Isole Cayman, un piatto tradizionale dell’Honduras, il suo paese natale. Regina (53 anni), originaria di un piccolo paesino del Malawi che ha solo un mercato locale, gli ha insegnato a cucinare bruchi in salsa di pomodoro, una prelibatezza del luogo. Infine Boonlom (69 anni), che ha trascorso tutta la sua vita a Bangkok e si considera un’eccellente cuoca, con la quale ha preparato una frittata ripiena.

María Luz con los ingredientes de su plato.
La cosa più difficile del piatto di María Luz (Isole Cayman) è ottenere un'iguana fresca per lo stufato.

Altre 54 nonne, e le ricette dei loro piatti, sono immortalate nel libro “In her kitchen”. Un modo di percorrere il mondo senza perdere di vista la propria casa e attraverso uno dei gesti d’amore più puri: la cucina delle nonne. Buon appetito!

El Finkubala es un plato festivo de Malawi a base de orugas y salsa de tomate.
Il Finkubala è un piatto festivo del Malawi a base di bruchi e salsa di pomodoro.

BIO

Gabriele Galimberti è un fotografo italiano che ha trascorso gli ultimi anni lavorando a un progetto in giro per il mondo. Da questo viaggio è nato il libro "In her Kitchen", che raccoglie la storia e le ricette di 58 nonne che hanno cucinato per lui come se fosse stato il loro nipote.

Articoli correlati

Dove Dio ha messo il West

Utah e Arizona condividono la Monument Valley, ma questa apparterrà sempre a John Ford che, pur non avendo il dito...

Londra ha un colore speciale

E non è solo il grigio... Prendi il tuo ombrello (meglio essere previdenti), perché anche se la giornata inizia uggiosa,...

NO FOTO

All'entrata si trova il cartello "vietato fare foto" o, semplicemente, "vietato l'attraversamento" ma, nella testa dei fotografi intrepidi, questo avvertimento...

L’amore ai tempi del “kale”

Cenare fuori non sarà più un problema. Sempre più ristoranti adattano i loro menù per soddisfare in egual misura le...