>>>Lusso che sa di vino
The Vines Resort and Spa organizza cene private nei suoi vigneti.
Foto: The Vines Resort and Spa

Lusso che sa di vino

Vellutato, armonico, ardente, erbaceo, tutti i tipi di vini sono contemplati in questi resort di lusso creati nei vigneti.
C

hi dice che il gusto è il più debole dei sensi non ha mai assaporato un Malbec con un buon arrosto argentino, il piacere fruttato di un Cabernet Sauvignon sotto il sole australiano o un dolce Sauternes con vista sulla campagna francese. Scopriamo i segreti nascosti delle regioni del vino. I resort e gli hotel più esclusivi si nasconondo tra terroir e cantine.

Surf e buon vino – Margaret River (Australia)

 Combina vigneti e spiagge vergini, mercati di produttori locali con le grotte del parco nazionale di Leeuwin-Naturaliste, degustazioni di birre e formaggi artigianali con fondali sottomarini esclusivi per praticare lo snorkelling. Questa regione australiana è così, con oltre 200 produttori di vino e un clima mediterraneo influenzato dalla vicinanza dell’oceano Indiano.

Cape Lodge, un hotel immerso in Margaret River, offre visite guidate nelle cantine e cene con piatti di stagione, in un ristorante accanto al lago. Accompagna l’aragosta e il burro al tartufo con un buon vino bianco (un Chardonnay di Mantra Wines del 2014, per esempio) e ammira il panorama.

Garden View Roomm at Cape Lodge
Le camere del Cape Lodge offrono una vista sui gardini o sul lago
Foto: Cape Lodge

Un bicchiere di benessere

Un’altro paradiso della vinoterapia si trova a Caudalie Marqués de Riscal a Valladolid (Spagna), che ospita una spa all’interno di un complesso turistico. 1.400 metri quadrati dedicati al benessere con trattamenti umidi e secchi, basati sull’essenza dell’uva per rivitalizzare la pelle.

Vigneti glamour – Napa Valley (Stati Uniti)

La Route 29 e il panoramico Wine Train attraversano una regione con più di 400 cantine e una tradizione vinicola centenaria. Napa Valley presenta cantine di riferimento come Domaine Chandon, specializzata nello sparkling wine (vino frizzante), Robert Mondavi e Beaulieu Vineyards.

Sopra le colline della valle si trova il complesso di Meadowood Napa Valley che serve da centro di riunione per i produttori locali e i winemakers (enologi). Un hotel nel quale si tengono degustazioni dei principali vini della regione e conferenze, in un ambiente naturale unico. Il suo ristorante ha ricevuto tre stelle Michelin ed è stato definito “il vertice del vino country-chic”.

 

Rossi corposi – Ribera del Duero (Spagna)

Sono già più di 300 le cantine che posseggono la Denominazione di Origine del Ribera del Duero. Si fanno notare i rossi, prodotti con almeno il 75% di uva della varietà Tempranillo. I più apprezzati sono i Gran Reserva, con 60 mesi di invecchiamento, dal barile alla bottiglia, e un sapore ricco di sfumature.

Sulle rive del fiume che porta lo stesso nome si trova il Abadía Retuerta LeDomaine, un hotel a cinque stelle creato in un monastero romanico del XII secolo. Alloggiare al Abadía Retuerta non significa solo visitare una delle cantine più innovative e tecnologicamente avanzate d’Europa, ma offre anche ai propri ospiti delle attività legate alla cultura e alla produzione del vino.

Fachada Abadía Retuerta LeDomaine
La Valle del Duero, con inverni freddi ed estati roventi, offre le caratteristiche perfette per la coltivazione della vite.
Foto: Abadía Retuerta LeDomaine

Personalità e un tocco fruttato – Mendoza (Argentina) 

“Volevo cucinare con ingredienti argentini e fuoco a legna, come ho visto fare a gaucho e aborigeni quando ero in Patagonia”, confessa Francis Mallmann, famoso chef del ristorante Siete Fuegos al The Vines Resort and Spa.

Nel sua cantina è possibile degustrare un Malbec, la varietà emblematica che rende Mendoza una tappa immancabile per gli amanti del vino. In questa zona, ai piedi della cordillera delle Ande, viene prodotto circa il 70% del vino argentino. Gli ospiti possono partecipare al processo, potando le viti e pestando l’uva per produrre vino nel proprio barile.

Edificio diseñado por Frank Gehry
L’edificio progettato dall’architetto Frank Gehry rappresenta la perfezione dello spirito innovativo di Marqués de Riscal.
Foto: Daniel del Castillo

Articoli correlati

I vegetariani conquistano il mondo

I ristoranti, supermercati e festival veggie-friendly si moltiplicano nell'era dell'alimentazione consapevole, con deliziose proposte che conquisteranno anche i più carnivori.

New York oltre i grattacieli

Lontano dal trambusto di Manhattan, lo stato newyorchese ha molto da offrire. Scopriamo il volto più sconosciuto di New York.

Solo per veri appassionati

Non si tratta di essere bravo a fare ​​qualcosa, si tratta di essere il migliore. Questi negozi e ristoranti rischiano...

Dai vigneti australiani

La vita è troppo breve per bere vino cattivo; un fine settimana perfetto in Australia include un’ eperienza al tramonto...