>>>Madrid: amore a seconda vista

Madrid: amore a seconda vista

Se sei stato a Madrid una volta, non c'è bisogno di convincerti. Chi visita la capitale, fa sempre il bis. È un dato di fatto. E questa è una piccola guida per coloro che si innamorano di Madrid per la seconda, terza o quarta volta.
A

Madrid non hai bisogno di riti magici per sapere che ci tornerai. Non dovrai toccare i piedi di nessuna statua, né lanciare monete in una fontana, o bere da nessuna sorgente. Chi viene, ripete l’esperienza. E non sono necessarie leggende o credenze mitologiche. Basta salire su uno dei suoi rooftop al tramonto o perdersi una domenica all’ora dell’aperitivo per La Latina (il quartiere con la maggiore concentrazione di bar e ristoranti a Madrid: uno ogni sei metri) per renderti conto che ancora ti resta molto da vedere (e da fare) nella capitale spagnola.

 

Se ti sei già seduto in uno dei tavolini all’aperto in Plaza Mayor, ti sei perso a Sol e hai visitato Goya, Velázquez & co. ne El Prado, è un buon momento per dare un’occhiata all’agenda degli eventi della capitale. È piena di programmi per tutti i gusti ogni mese dell’anno. In inverno, le luci e le attività natalizie si accaparrano quasi tutta l’attenzione: da non perdere, ad esempio, il Christmas Garden del Real Jardín Botánico, fino al 6 gennaio.

 

Balconi nel quartiere de La Latina
Ne La Latina si trovano alcuni dei bar più mitici della capitale, come Casa Lucio, a Cava Baja, e Los Caracoles.
Foto: Carlos Luján

La migliore alternativa per sfuggire al freddo invernale sono le sale da concerto e i teatri, in particolare i musical. Se la prima volta che hai visitato Madrid sei tornato alla tua infanzia al ritmo de “Il re leone”, adesso puoi “ridere di cuore” con “La Cage aux Folles”, noto anche con il titolo “Piume di Struzzo”. Questo è ciò che afferma la critica di questa commedia musicale proveniente da Broadway. La compagnia teatrale La Cubana ha un’altra commedia in cartellone, “Adiós Arturo”, che ha riempito il teatro Calderón di pappagalli colorati. E se non vuoi rinunciare ai classici, il Cirque du Soleil sarà con “Kooza”, il suo peculiare omaggio al circo tradizionale, fino al 5 gennaio in un tendone installato tra gli alberi della Casa de Campo.

 

Un buon modo per conoscere i segreti e le leggende di Madrid è farlo con una guida specializzata. Esistono diversi tour a tema: di arte urbana, gastronomici, passeggiate storiche, o in base al mezzo di trasporto: in bicicletta, in Segway o anche in una Rolls Royce decappottabile, in stile Ava Gardner e Frank Sinatra quando questa si innamorò di Madrid (e delle sue feste). A questa attrice americana successe la stessa cosa che succede a molti: se ne andò da Madrid con voglia di tornarci. E lo fece, ma per restarci 13 anni. Dicono che dopo essere atterrata all’aeroporto per la prima volta si recò direttamente al Museo del Prado.

Mercado de Motores
L'agenda di eventi di Madrid comprende anche spazi come il Mercado de Motores, che riunisce artigiani, stilisti e artisti nel Museo del Ferrocarril una volta al mese.
Foto: Carlos Luján

Se pianifichi un secondo viaggio nella capitale, ti consigliamo di visitare il Thyssen-Bornemisza o il Museo Sorolla. Il primo si trova nel Paseo del Arte, dov’è possibile visitare anche altri spazi culturali come la Fundación Mapfre, CentroCentro e il CaixaForum.

 

Il Museo Sorolla fa parte delle cosiddette “case museo” che possono essere visitate con il tessera turistica Cinco Museos, Otro Madrid. Questa include anche il Museo di Arti Decorative, il Museo Cerralbo, il Museo del Romanticismo e il Museo Lazaro Galdiano, tutti situati in antiche dimore o case nobiliari. A queste si aggiungono altre visite fuori dal circuito dei musei classici della capitale, come quello nel Palacio de Liria, recentemente aperto al pubblico e in cui vengono esposti, tra i vari gioielli, la prima edizione del “Don Chisciotte” del 1605, e opere di Tiziano, Rubens e El Greco.

Giardino verticale del CaixaForum
Quello del CaixaForum è stato il primo giardino verticale in Spagna. Occupa circa 460 metri quadrati di superficie ed è formato da oltre 15.000 piante.
Foto: Carlos Luján

Molte di queste attività fanno parte del programma Vuelve a Madrid, un’iniziativa del Comune, che concede Punti Madrid a coloro che fanno il bis durante la loro visita nella capitale. Diventare membro è gratuito: devi solo registrarti sul loro sito web per accedere a sconti e offerte. Questi cambiano costantemente e includono diverse esperienze, come un brunch all’Ippodromo o un upgrade del tuo biglietto d’ingresso a “Billy Elliot El Musical”. Il programma è rivolto a qualsiasi tipo di visitatore. Troverai spettacoli di flamenco, sconti in negozi come Ramírez Guitars, un tour dell’arena de Las Ventas per vivere la Madrid più classica, o sconti su escape room, trattamenti benessere e lezioni di cucina per coloro che desiderano conoscere Madrid in un modo diverso. E se non hai tempo per fare tutto, non preoccuparti, puoi sempre tornare una terza, quarta o quinta volta.

 

Vuoi di più? Dai un’occhiata ai profili Instagram e Facebook di Visita Madrid e scopri tutto ciò che ti aspetta nella capitale.

Articoli correlati

Cucina fusion indo-spagnola

Atul Kochhar è stato il primo chef indiano al mondo a ottenere una stella Michelin per il ristorante Benares di...

Come visitare Madrid e sentirsi a casa

Anche se sei venuto solo per un fine settimana, se entrando in un bar dici "una birra, per favore", sei...

Un Natale diverso a Madrid

Darsi un capriccio gastronomico di quelli che passano alla storia, partecipare ad un evento culturale o correre insieme a un...

“Madrid si appresta a vivere una nuova movida”

Come corrispondente in Spagna della rivista Monocle, è sempre a conoscenza degli ultimi bar, ristoranti o negozi che aprono a...