Off the record-10-10

Musei e tassisti

Il misterioso caso del tripode scomparso

“Avviso dell’arrivo di un’ondata di freddo polare”. Un messaggio WhatsApp di Carlos Luján, il fotografo dello staff, ci invitò di mettere indumenti caldi nel nostro bagaglio, anche se in quel momento c’erano 20 gradi. “Porterò una giacca da neve”, ci disse il realizzatore Juan Rayos, ma si rifiutò di abbandonare le sue scarpe hipster di tela. Anche se poteva nevicare. E, in effetti, nevicò.

La prima nevicata ci prese alla sprovvista. Eravamo all’uscita del ristorante italiano L’Osteria, in cui eravamo andati a cenare in onore di Paolo Fanale. Avevamo intervistato il tenore italiano un paio di ore prima nel Teatro dell’Opera di cui Richard Strauss fu direttore e dove debuttarono opere di Richard Wagner. Dopo l’intervista bevemmo con lui un succo di frutta al piano superiore dell’elegante Hotel Bayerischer Hof. A causa del freddo, non volle uscire in terrazza, nonostante le incredibili viste della cattedrale. Preferiva l’interno e il calore del camino, dove diversi ospiti dell’hotel bevevano champagne, con indosso solo l’accappatoio del centro benessere annesso.

Grazie a tutti i tassisti di Monaco

Nevicava ancora quando lasciammo il centro culturale Muffatwerk. Le strade circostanti erano buie e deserte. Stavamo cercando di tornare in hotel il prima possibile quando un taxi apparse dal nulla e si fermò di fronte a noi. Era lo stesso tassista che ci aveva portato in quella zona alcune ore prima.

Non fu questa l’unica volta che ci trovammo a ringraziare un tassista. Una mattina ci dimenticammo il treppiede di una delle macchine fotografiche in Piazza Sankt-Jakobs, di fronte al Stadstadtmuseum e al Museo Ebraico. Quando tornammo alcune ore più tardi, era ancora lì. Ma il treppiede voleva continuare a stare senza di noi un altro po’. Quel giorno ce lo dimenticammo di nuovo. Questa volta in un taxi. Molto educatamente, il tassista ce lo riportò al Museo Brandhorst dove stavamo girando.

Grazie a tutti i tassisti di Monaco che ascoltano musica classica alla radio. Si meritano una zuppa nei ristorantini di Viktualienmarkt o un caffè e un pretzel al burro in una qualsiasi delle pasticcerie Rischart sparse per tutta la città. Perché Monaco ti fa venire fame.

making5
making1
making2
making3
separator-related
arrow-related

+ Passeggeri + Destinazioni

2

Malik J. Fernando

DIRETTORE DILMAH TEA
Sri Lanka
EceUnerPortada

Ece Üner

Presentadora de TV
Estambul
Liam-Aldous-Madrid

Liam Aldous

Corrispondente in Spagna della rivista Monocle
Madrid
entrevistaweb

Paolo Fanale

Cantante d'opera
Munich
separator-related
arrow-related

Articoli simili

  • Questo sito si avvale di cookie propri per agevolare la navigazione e di cookie terzi derivanti dall’utilizzo sul sito, sui social network e per migliorarne l’utilizzo e la tematica con Google Analytics. I dati personali non vengono consultati. Se decidi di proseguire nella navigazione riterremo accettato il loro utilizzo da parte tua. Qui potrai modificare la configurazione oppure ottenere ulteriori informazioni.

    Rivista Passenger 6A

    Ricevi ogni mese la nostra rivista

    Quale destinazione Passenger ti piacerebbe scoprire in futuro?

    Apprezziamo il tuo contributo!