>>>Paesaggi marziani per futuri astronauti

Paesaggi marziani per futuri astronauti

Il progetto Mars One offre un viaggio di solo andata per Marte. Ma se non te la senti di fare l’eroe e ti piacerebbe comunque visitare i paesaggi marziani, esistono diverse alternative sulla Terra.
Marte va di moda. A partire dal 14 dicembre, la NASA accetta richieste da parte di aspiranti astronauti con lo sguardo rivolto verso il pianeta rosso. A settembre 2015, il direttore di scienze planetarie della NASA, Jim Green, ha dichiarato che “In determinate circostanze, è stata trovata acqua liquida su Marte”. Questa dichiarazione mette il punto sulla possibilità reale che il pianeta possa ospitare vita.
Petrified Forest presenta una delle più alte concentrazioni di legno pietrificato al mondo, insieme al Nord Dakota, Argentina ed Egitto.

Marte sul grande schermo

Il pianeta rosso è stato descritto in diversi film. Alcuni esempi sono "Il marziano" (2015), girato nel deserto di Wadi Rum in Giordania, "Pianeta rosso" (2000), interpretato da Val Kilmer, "Atto di forza" (1990) con Arnold Schwarzenegger, o "Mission to Mars" (2000) di Brian De Palma.

Lo scorso anno Ridley Scott l’ha portato sul grande schermo con Matt Damon. Il progetto Mars One intende farne, non senza suscitare polemiche, un reality show orchestrato dall’olandese Bas Lansdorp. L’obiettivo: stabilire una colonia umana su Marte entro il 2026.
Poiché si sa che le cose nello spazio procedono lentamente, la Terra offre valide alternative. Il deserto di Atacama, in Cile, è uno dei paesaggi terrestri che più ricorda le condizioni estreme del pianeta rosso. È il deserto più arido della Terra. La Cordigliera della Costa, con un’altezza di 2.500 metri, è ciò che impedisce l’ingresso dell’umidità in questo luogo dalle temperature estreme. Di giorno si raggiungono tranquillamente i 40°C e di notte la temperatura scendere fino a 0°C.
Zabriskie Point è perfetto per contemplare l'alba o il tramonto.
Senza abbandonare il Cono Sud, anche l’Argentina ospita alcuni paesaggi degni di apparire in una superproduzione cinematografica di fantascienza. Così come il Parco Nazionale Talampaya, a nord-ovest del paese (nella regione di La Rioja). Una superficie di 215.000 ettari, quasi sterili, in un susseguirsi di pianure, canyon e gole di colore rossastro.
Il Parco Nazionale di Namib-Naukluft ha una superficie di circa 50.000 km2. È il più grande d'Africa e il quarto più grande del mondo.
Gli Stati Uniti ospitano due paesaggi dall’aspetto extra-terrestre: Petrified Forest in Arizona, e Zabriskie Point (punto di Zabriskie) nel Death Valley National Park (Valle della Morte), in California. Il primo è noto per i suoi tronchi fossili, ma se ciò che cerchiamo è un vero paesaggio marziano, il Deserto Dipinto, con la sua diversità di minerali, è il luogo ideale. Zabriskie Point è l’accesso della così chiamata Valle della Morte. Un belvedere sulla bellezza sterile di questo parco, in cui è conveniente arrivare ben forniti di acqua, visto che il calore può essere spietato.
Nelle Isole Canarie (Spagna) l’analogia con Marte è evidente. A Lanzarote si trova il Parco Nazionale Timanfaya, una superficie nata da diverse eruzioni vulcaniche verificatesi durante il XVII e XVIII secolo. Ampie estensioni di magma solidificato, pianure di lapilli, coni vulcanici dai toni rosso, ocra, arancione e nero.
Sempre in Spagna, la NASA stava indagando forme di vita estremofili nelle acque di un piccolo fiume di colore rosso: il Rio Tinto (Huelva). La tonalità delle sue acque è causata dall’ossido dei metalli, che vengono estratti dai depositi vicini, e dall’acido solforico.
In Africa, Dead Viei sembra un paesaggio abbastanza marziano. Si tratta del punto più arido del Parco di Namib-Naukluft, in Namibia, considerato il deserto più antico del pianeta e con le dune più alte. Più di 900 anni fa era un’oasi piena di acacie. Una volta asciugata, anche gli alberi sono morti, lasciando i tronchi pietrificati e formando un paesaggio inquietante.

Articoli correlati

Sorvola come un uccello il fiordo di Geiranger

Un serpente di asfalto guizza tra le montagne e le cascate, con vista sui fiordi. 106 chilometri di curve a...

Londra vuole essere Manhattan

Dalle cupole delle cattedrali agli imponenti grattacieli, lo skyline di Londra è famoso in tutto il mondo. Cos'altro ha in...

La fine del mondo si trova in Tasmania

Three Capes Track ha aperto al pubblico con la promessa di "accendere i sensi". Il percorso di trekking più atteso...

Coober Pedy: vivere sotto terra

Dopo che i "forty-niners" rasero al suolo le "dorate" terre della California, l' "outback" australiano scatenò un'altra febbre più silenziosa,...