>>>Dove Robinson Crusoe diventa un turista

Dove Robinson Crusoe diventa un turista

Pirati, tesori, prigionieri, espatriati e coloni. Avventure ricreate da Daniel Defoe. Lo spirito del suo personaggio più iconico, Robinson Crusoe, è rimasto in quest'isola cilena che porta il suo nome.
“Ho camminato lungo la spiaggia con le mani in alto, totalmente assorto nella contemplazione della mia salvezza, pensando ai miei compagni che erano annegati; non si salvò neanche un’anima, eccetto me (…) Ho iniziato a guardarmi intorno per vedere in che posto mi trovavo e cosa dovevo fare”. Così descrive Robinson Crusoe il suo arrivo in quest’isola situata a 670 chilometri ad ovest del Cile -700 da Valparaiso-, nell’Oceano Pacifico.
Immergersi, fare surf o kayak sono alcune delle attività marittime disponibili.
Foto: Germán Recabarren Bordones

Más Afuera e Más a Tierra

Il marinaio spagnolo Juan Fernández cercava nuove rotte tra il Perù e il Cile quando avvistò queste isole. All'arrivo le soprannominò secondo la loro posizione. La "Más Afuera" è oggi l'isola Alejandro Selkirk e la "Más a Tierra" è l'isola di Robinson Crusoe. Quest'ultima ospita l'unico villaggio permanente e stabile dell'arcipelago, quello di San Juan Bautista.

Anche se adesso il principale obiettivo è il turismo, il suo spirito “desertico” fatica a scomparire. Solo l’1% dei cileni ha visitato l’isola di Robinson Crusoe. I suoi abitanti, circa 800 persone, vivono di questo settore e della pesca dell’aragosta. I viaggiatori non dovranno preoccuparsi come Crusoe di “morire di fame o divorati dalle bestie”: l’aragosta rappresenta il piatto principale.
La desolazione provata dal marinaio non esiste. Il vuoto è riempito dalle navi da crociera come la Minerva, che in un solo giorno riesce a portare 350 turisti, attratti dallo spirito del naufragio. Ogni elemento descritto da Defoe, come l’odore del mare e il verde della foresta, permane. Per arrivarci la cosa più semplice è prendere dei piccoli aerei da Tobalaba, Pudahuel o Torquemada. Poi si inizia! Obiettivo: provare l’emozione di rivivere il più letterario dei viaggi. La prima cosa da fare è imparare la mitomania: gli alberi dove il naufrago passò la sua prima notte sull’isola, impaurito per la mancanza di armi, sono sempre lì, ignari del tempo che passa.
Oltre ai ristoranti, l'aragosta si può gustare a bordo di una "chalupa", una piccola imbarcazione con cucina.
Foto: Germán Recabarren Bordones
Insieme alle isole di Alejandro Selkirk e Santa Clara, formano l’arcipelago Juan Fernández, Parco Nazionale e Riserva Mondiale di Biosfera dell’Unesco dal 1977. Avvicinarsi a San Juan Bautista è obbligatorio. Lì c’è il Forte Santa Barbara, che difese la sovranità nazionale nel XVIII secolo. In prossimità si trova la grotta dei Patrioti, caverna in cui venivano imprigionati i cileni esiliati dalle forze leali alla corona spagnola, durante la Reconquista.
Il 62% della flora è endemica dell'isola.
Foto: Germán Recabarren Bordones
Se Robinson Crusoe si dedicava ad addomesticare pecore o a costruire una casa con tronchi d’albero, oggi sono altre le attività destinate al viaggiatore: passeggiare a cavallo, avvistare uccelli o salire fino al punto panoramico di Selkirk. Si può navigare dalla baia di Cumberland fino a Puerto Inglés, facendo una passeggiata archeologica e visitando gli scavi realizzati in cerca del tesoro, frutto dei molteplici misfatti per i Sette Mari del pirata Francis Drake. Poi si può terminare il percorso nella Lobería Tres Puntas, chiamata così perché è il luogo in cui si fanno immersioni e dove si possono avvistare centinaia di leoni marini. La visibilità è stupenda e la temperatura oscilla tra i 14 e i 21 gradi.
Se il viaggiatore sta al gioco e si lascia guidare dall’onirico e dall’esotico che permea il romanzo, sarà capace di trovare queste risorse nell’isola. È il momento di armarsi di lirica e raggruppare in tre giorni i 28 anni di avventure del marinaio. Soggettività e immaginazione per essere, come Crusoe, il re dell’isola.

Articoli correlati

La piscina più grande del mondo.

Situata nel villaggio turistico San Alfonso del Mar, in Cile, la piscina progettata da Crystal Lagoon ruba la scena all'oceano...

La fioritura di Atacama

Dopo la tempesta, ecco arrivare i fiori. Anche in una delle regioni più aride del mondo che, ogni cinque anni,...

Santiago è amore a prima vista

C'è chi ha bisogno di tempo per conoscere una città, ma con Santiago del Cile sarà amore a prima vista....

“L’uomo nudo non esiste”

Dal suo programma televisivo, City Tour, o come rettore del Campus Creativo, Federico Sánchez insegna a riflettere sul come e...