>>>Rock, bambini e festival: una combinazione possibile
Foto: Zippy Lomax

Rock, bambini e festival: una combinazione possibile

Come fai con i tuoi figli se vuoi andare a un festival di musica? Portali con te! Questi eventi di massa rivendicano delle aree per tutta la famiglia. Facciamo un giro per i festival "kind-friendly".
I

l vostro bambino riuscirebbe a dormire in una città dove il rumore non ha mai sosta? È una delle domande della “Guida di sopravvivenza per le famiglie” offerta dal festival Burning Man (California), uno dei grandi eventi musicali che riempiono l’agenda primaverile ed estiva e che si sono trasformati in qualcosa che va al di là della musica. Sono feste culturali per viaggiatori affamati di nuove esperienze, dove i passeggini e i marsupi per bambini sono comuni, tanto quanto i tatuaggi veloci.

Le nuove generazioni di genitori sembrano meno disposte a cambiare radicalmente le proprie vite dopo aver avuto un figlio. Armati di cuffie antirumore per bambini, protezione solare, acqua, cappelli, occhiali da sole, repellente per insetti e panini, questi genitori che hanno trascorso gli anni 90 dietro ai festival rock, reclamano ora uno spazio per vivere la stessa esperienza in famiglia. La passata edizione del festival Coachella, ha avuto oltre 1000 pubblicazioni in Instagram con l’hastag #coachellababy. Tra i partecipanti a questo mega evento culturale, che si svolge a Indio (California), è normale vedere musicisti, blogger di moda, foodies, celebrità… e sempre più famiglie con bambini.

Espacio Minimúsica en Primavera Sound.
Minimúsica vanta artisti che adattano il proprio repertorio al pubblico infantile.
Foto: Minimusica Atmosphere/ minimusica.tv

Le mini band che fanno impazzire

I nuovi musicisti per bambini hanno delle sonorità indie con testi divertenti. Molti di essi sono genitori che hanno voluto dare qualità alla musica per i loro figli. Tra di loro troviamo Rolf & Flor, Recess Monkey o Elizabeth Mitchell, che ha ottenuto una nomina ai Grammy.

Gli organizzatori se ne sono accorti e stanno creando zone speciali per le famiglie e spazi dove i bambini possano giocare, esplorare e riposare. Festival che ora rappresentano “un’esperienza musicale globale per tutta la famiglia”. È il caso del Joshua Tree o del Symbiosis, due dei festival implacabili della costa est, in California. La musica rappresenta solo un aspetto di questi incontri, dove i bambini possono divertirsi tra spettacoli circensi, passeggiate nella natura, laboratori o teatri di marionette.

Nel bel mezzo del deserto Black Rock, in Nevada, ha luogo “l’esperimento di auto-espressione e autosufficienza radicale” Burning Man, un festival musicale e artistico noto per i suoi eventi stravaganti e perché conta tra i suoi partecipanti i multimilionari della Silicon Valley. Con temperature che raggiungono i 50 gradi, partecipare al Burning Man con i propri figli è una vera e propria sfida. Secondo i “burner” più esperti, i bambini sono i migliori alunni di questo festival, che ha tra le sue fila un gruppo chiamato “The Black Rock Scout”.

Niña en hombros en festival Lollapalooza.
‘Silent Headphone Concert’, a Kidzapalooza, è un'area dove i bambini possono "ballare" con i diplomati del Berklee College of Music.
Foto: Perry's by Maclay Heriot/lollapalooza.com

Da alcuni anni, all’interno di Glastonbury, il famoso festival del Regno Unito, un paese con una tradizione per i festival molto radicata, si svolge Kidzfield. L’appuntamento musicale più affollato e piovoso, dove gli stivali da pioggia rappresentano un accessorio obbligatorio dell’outfit, vanta una grande area dove i più piccoli posso imparare a diventare DJ, scrivere testi per canzoni, fare arrampicata o costruire un robot. L’internazionale Lollapalooza, originario di Chicago, e con edizioni itineranti in Brasile, Cile, Argentina e Berlino ha anche una versione infantile, Kidzapalooza, con concerti, laboratori di percussioni, concorsi di ballo o parrucchieria per “piccole stelle del rock”.

A Barcellona, Primavera Sound, uno dei grandi della scena musicale indipendente, nel 2007 ha inserito al suo interno Minimúsica. Un’area con attività rivolte alle famiglie, con un servizio gratuito di ludoteca con schermi, “babycare”, aree per l’allattamento e distribuzione di cuffie antirumore per i bambini. Senza uscire da Barcellona, l’avanguardia elettronica si adatta ai più piccoli con SonarKids, una proposta per lo svago in famiglia che unisce musica e tecnologia all’interno del festival Sónar.

Sebbene tutti questi cambiamenti nei festival siano una conseguenza naturale delle nuove necessità dei genitori, rappresentano anche un investimento per le future generazioni. Come dice Zipporah Lomax, fotografa di Burning Man da oltre 10 anni: “Attraverso la precoce esposizione a tali forme rivoluzionarie di convivenza e creatività, immagina quale mondo potranno creare un giorno questi bambini”.

Articoli correlati

Tomorrowland: qui si viene per sognare

È il paese delle meraviglie delle ventenni, e se Willy Wonka fosse adulto, sarebbe la sua fabbrica di cioccolato. Benvenuti...

Cork a ritmo di jazz

Birra scura e musica. Due dei simboli dell'isola di smeraldo si danno appuntamento al Guinness Cork Jazz Festival, che riunisce...

Pirati, coccodrilli e altri racconti

Le loro spiagge raccontano leggende di corsari e tesori e una volta l'anno si riempiono di bandiere nere, con teschi...

Mariachi e jazz a Guadalajara

È la culla della tequila e dei mariachi. Guadalajara, però, offre molto più che folclore. La capitale di Jalisco alterna...