>>>Samaipata, un luogo di riposo ad alta quota

Samaipata, un luogo di riposo ad alta quota

Il “Gomito delle Ande” è il tesoro di Samaipata, ma non è l’unico. Questo angolo della Bolivia ha un forte preispanico dove è possibile comunicare con gli dei.
S

amaipata significa “riposo ad alta quota” in quechua. La pace è un bene prezioso in questo angolo della Bolivia vicino alla trepidante Santa Cruz de la Sierra. Ci vuole calma per armonizzare le 25 nazionalità che, tramite l’ecoturismo e le leggende, si sono stabilite tra le piante tropicali.

Però Samaipata è soprattutto una delle località più belle del sud della Bolivia: il “gomito delle Ande”, dove inizia il Parco Nazionale di Amboro, vasto oltre 600.000 ettari. A seconda della zona, non è adatto per chi soffre di vertigini. La sua altezza va dai 320 fino a oltre i 3.000 metri. Coloro che vogliono avventurarvisi devono essere accompagnati da una guida locale, per non perdersi durante l’attraversamento della cordillera, la discese nel canyon e la salita sulla collina Inca.

Samaipata Fort
Ci sono teorie che associano il forte a un punto di comunicazione tra i mortali e gli dei, e al lancio di navi speciali.

I passi del Che

Samaipata fa parte del percorso associato a Che Guevara. Sebbene non sia stato dimostrato che il leader rivoluzionario sia passato da qui, è certo che lo fecero i suoi seguaci. Inoltre, il percorso attraversa la Higuera, dove lo uccisero, e Vallegrande, dove misero in mostra il suo cadavere. Non senza prima passare dal belvedere verso le valli, “La boina del Che”.

Biodiversità, varietà paesaggistica e percorsi attraverso impressionanti vette di montagna, questo è ciò che offre questo luogo, oltre a cascate d’acqua come “La Pajcha”, dove fermarsi a fare il bagno. Poi sentieri di muschi, rocce e felci, che anche se crescono un centimetro all’anno, possono raggiungere i quattro metri, guadagnandosi la denominazione di “giganti”. Oppure un trekking di circa quattro ore per raggiungere un belvedere dal quale è possibile avvistare il condor delle Ande.

 

Un altro spazio iconico è il Forte, di epoca preispanica. È uno degli esempi di arte rupestre più notevoli dell’America latina, con un’altezza di 1.950 metri. Le sue incisioni ne fecero il centro cerimoniale della città dal XIV al XVI secolo. Un’immensa roccia scolpita domina dall’alto.

Waterfall in the Elbow of the Andes
Questa zona del bosco boliviano, della regione di Los Yungas, ha un clima umido tropicale.

Considerato Patrimonio dell’Umanità, fu utilizzato anche come forte militare. I cercatori di tesori, esploratori e viaggiatori hanno discusso il significato dell’insediamento, la cui cupola è il “coro dei sacerdoti”, una formazione che simula dodici posti a sedere. Triangoli, nicche e canalizzazioni a zig zag completano i simboli. L’influenza delle leggende inca e andine si avverte in esempi come la rappresentazione di serpenti, associate a “gli dei che vennero dal cielo”.

Samaipata.
Samaipata possiede circa 3.000 specie di piante.

Tuttavia, per noi mortali, dopo una giornata di escursionismo, ci vuole un po’ di riposo e a Samaipata ce n’è per tutti i gusti. Dal lusso del resort a quattro stelle, El Pueblito, con camere che ricreano taverne e fonderie, fino a spazi conformi all’idea dell’ecoturismo, come la tenuta La víspera, che punta a mostrare l’orticultura biologica moderna. “La tenuta è la nostra fonte di verdure, frutta, condimenti, conserve, medicina, legna, concime, materiale di costruzione e entrate”, spiegano i proprietari. E invitano dicendo: “Esplorare la tenuta, anche solo per un paio di giorni, ti lascia un innegabile senso di armonia”.

Un altro spazio è il Rifugio delle Ande, dove oltre a offrire alloggio, vengono organizzati tutti i tour possibili. Situato all’interno del Gomito delle Ande, sposa la causa dell’ecoturismo, accostando così la sua identità a quella di Samaipata: “Natura, cultura e spiritualità”.

Articoli correlati

Un deserto non adatto a ipertesi

Non essere pigro e prendi la tua macchina fotografica: ci sono mille modi per ritrarre il Salar de Uyuni, il...

I romantici dell’arrampicata

L'arrampicata libera è nata nella regione della Svizzera Sassone. Su quelle vette, che hanno ispirato tanti pittori, gli scalatori si...

L’ultimo paesaggio di “Revenant – Redivivo”

Le riprese sono durate più del dovuto e la neve finì per sciogliersi. È stato necessario viaggiare fino alla "fine...

L’astroturismo, specialità cilena

Abbiamo trovato il luogo perfetto per godersi il turismo astronomico in buona compagnia. Milioni di stelle ornano il cielo del...