>>>"Sarò sempre in viaggio, forbici comprese"
Miguel Gutierrez, ‘The Nomad Barber’

“Sarò sempre in viaggio, forbici comprese”

Forbici in mano, Miguel Gutierrez, un barbiere di Liverpool, ha deciso di girare il mondo per conoscere i segreti della sua professione. Un viaggio attraverso i luoghi con lunghe tradizioni relative a quest'arte, documentate con la webserie "Nomad Barber", e che è arrivata a superare i sei milioni di visualizzazioni sul suo canale di Youtube.
S

eduto in una caffetteria, Miguel ha avuto la sua grande idea: tagliare i capelli in località incredibili. Era il seme di un progetto sbocciato in un viaggio di 12 mesi attraverso 30 paesi, per vedere come la cultura del barbiere, cominciata nel 3.500 a.C., si fosse evoluta nei cinque continenti. Dalla Turchia all’India, passando per l’Australia e di ritorno in America.

Cosa volevi imparare durante il tuo viaggio?

Volevo scoprire la professione di barbiere da una prospettiva più culturale. Anche le tecniche sono interessanti ma, soprattutto, volevo imparare come la gente intende la professione di barbiere nel mondo.

Miguel è sempre alla ricerca di location naturali o urbane più impressionanti per documentare i suoi tagli di capelli.

Quali sono gli strumenti per il taglio e la depilazione che porti sempre nella tua valigia?

Viaggio sempre con due paia di tagliacapelli Wahl e un paio di rasoi, le mie forbici e i miei pettini.

“Volevo imparare come la gente intende la professione di barbiere nel mondo”

Qual è il bello di essere barbieri?

L’interazione con i clienti. Possono diventare degli amici e puoi cambiare facilmente la loro giornata offrendo un gran servizio. Gli uomini, andando dal barbiere, non devono fare altro che rilassarsi e chiacchierare.

Come ha influito questa avventura nella tua professione?

Nei nostri saloni offriamo rasature e servizi ispirati al mondo della barberia, senza identificare un luogo stabilito. Proviamo e inseriamo vari tipi di servizi appresi in tutto il mondo. Tutto è centrato nell’esperienza che ottiene il cliente.

Durante i suoi viaggi approfitta per tagliarsi i capelli e radersi nelle barberie locali.

Come scegli i clienti che appaiono nei tuoi video e fotografie?

Varia ogni volta, un giorno può essere un autista di tuk-tuk, il giorno seguente uno dei miei fan, mentre a volte poteva essere semplicemente qualcuno conosciuto in hotel o incontrato in giro.

Qual è stato il luogo in cui ti è piaciuto maggiormente lavorare?

Il posto che preferisco è l’India, dove le barberie sono una parte importante della società. Anche se viene considerata un’occupazione non di alto livello, hanno il mio rispetto per il duro lavoro e per la loro etica. Per questo viaggerò sempre… forbici incluse.

Tagliare i capelli è un modo perfetto per conoscere i suoi clienti.

‘The Nomad Barber’

Miguel Gutierrez è "The Nomad Barber", barbiere in costante movimento e creatore della webserie "Nomad Barber". Un "crowdfunding" gli ha offerto il sostegno necessario affinché lui e le sue forbici cominciassero il viaggio. Al termine dell'avventura ha aperto una barberia propria a Londra e, poco dopo, a Berlino. Nei suoi saloni offre un servizio al cliente unico, ispirato alla sua esperienza di viaggiatore.

Articoli correlati

Ballando per le strade de L’Avana

Le città sono le persone che le vivono. E per il fotografo Omar Z. Robles tali persone sono i suoi...

La “A-list” di New York

New York continua a rinnovarsi. Se viaggi d’invernom non possiamo risparmiarti il freddo, ma possiamo mostrarti i posti più "hot"...

La fioritura di Atacama

Dopo la tempesta, ecco arrivare i fiori. Anche in una delle regioni più aride del mondo che, ogni cinque anni,...

L’astroturismo, specialità cilena

Abbiamo trovato il luogo perfetto per godersi il turismo astronomico in buona compagnia. Milioni di stelle ornano il cielo del...