>>>Scopri l'Argentina del nord in sette colori

Scopri l’Argentina del nord in sette colori

Le leggende raccontano che i bambini di Purmamarca, annoiati dal monocromatismo della montagna, passarono sette notti a colorarla. Oggi è uno dei paesaggi più belli del nord dell'Argentina.
I
n bocca ancora il gusto amaro della coca. Riduce la sensazione di mal d’auto in coloro che, nelle prime ore del giorno, hanno preso l’autobus a Jujuy per dirigersi a Purmamarca, nel nord dell’Argentina. Partendo da Buenos Aires – il viaggio più comune – è possibile sentire sulla pelle il cambiamento della temperatura, verso un clima più mite: piogge estive, ma senza temperature estreme. Anche il viaggio e pieno dei contrasti che arrichiscono, man mano, il percorso. Proseguire verso la cosiddetta “montagna dei sette colori”, significa passare dall’europeismo del Rio della Plata a lineamenti più scuri, uno spagnolo più chiuso e il misticismo andino. Le leggende, condivise tra il nord dell’Argentina e il sud della Bolivia, preparano il percorso e giustificano il paesaggio: dicono che, a colorare la montagna, furono i bambini di Purmamarca.
Durante il viaggio, l'autobus fa delle fermate per permettere alle donne del luogo di salire a bordo a vendere empanadillas.

Una passeggiata attraverso la cultura andina

La Pachamama, la madre Terra, è il simbolo più importante nella zona tra il nord dell'Argentina e il sud della Bolivia e del Perù. Sono comunque molti i simboli andini: croci, bandiere, la chacana, Mama Quilla, dea della fertilità... Elementi disegnati sui vestiti, incisi lungo le strade e raccontati nelle leggende.

Dopo circa 65 chilometri, ci lasciamo Jujuy alle spalle. L’autobus si ferma, ma restano ancora da percorrere alcuni metri a piedi. Purmamarca, un villaggio degli inizi del XVII secolo, di origine preispanica, è luogo degno dei migliori film western. Edifici in adobe e tetti di fango. Siamo nel “Villaggio della Terra Vergine”, secondo la lingua aymara.
Prima di affrontare la salita, è possibile riacquistare le forze con un caffè. Alle spalle del villaggio si trova la montagna che da senso e colore a Purmamarca. Il percorso è circolare, il viaggiatore sale e scende attraverso piccole colline, con vista sulle montagne. Tratti viola, fucsia, arancione… Diversità cromatiche che i geologi giustificano con i materiali di cui sono composte, come l’argilla e il calcare.
Oltre a godersi il paesaggio, è possibile fare trekking o escursioni vicino all'omonimo fiume, o attraverso il "Paseo de los Colorados".
Lungo il percorso è facile ritrovarsi soli. A malapena qualche viaggiatore disperso. È il momento in cui, dal nulla, appaiono i portatori di leggende. Portano amuleti, li vendono o li regalano, mentre raccontano storie di soli, lune e Pachamama. Il sentiero porta sempre al paese. Ma poco prima, ecco apparire un cimitero. Non è né grigio, né triste. Risalta dai toni ocra e caldi della montagna, dato che ogni tomba è adornata da fiori con colori vivi: verdi, gialli, viola…
Nonostante il viavai di turisti, gli oggetti venduti sono piuttosto economici e di alta qualità
Foto: Matyas Rehak/ shuterstock.com
Di ritorno al villaggio si possono mangiare empanadas e acquistare oggetti di artigianato locale. I venditori si ammassano nella piazza. Vendono statuette di fango, vasi, tappeti, poncho, strumenti musicali e vestiti andini. In mezzo al paese si trova la chiesa del 1648, consacrata sotto Santa Rosa di Lima. È stata dichiarata Monumento Nazionale, grazie alla sua architettura e ai dipinti tipici di Cuzco.
A Purmamarca c’è la possibilità di pernottare, anche se di solito le escursioni durano un solo giorno. Di ritorno a Jujuy o a Salta, resteranno in mente le leggende, in bocca il sapore intenso della carne delle empanadillas, negli occhi la diversità cromatica: il regalo di Madre Terra, il potere della Pachamama.

Articoli correlati

Ushuaia , con te fino alla fine del mondo

Non hai più scuse: puoi mantenere la promessa di portare il tuo partner a Ushuaia, in Argentina, la città più...

L’ultimo paesaggio di “Revenant – Redivivo”

Le riprese sono durate più del dovuto e la neve finì per sciogliersi. È stato necessario viaggiare fino alla "fine...

L’astroturismo, specialità cilena

Abbiamo trovato il luogo perfetto per godersi il turismo astronomico in buona compagnia. Milioni di stelle ornano il cielo del...

Troppo vicino a Kilauea

Il vulcano più attivo del mondo e quello più grande convivono in apparente armonia nel Parco Nazionale dei Vulcani delle...