portada

Foto: St Andrews Links Trust

La natura è la responsabile dei confini tra un campo e l'altro.

St. Andrews, apre le sue porte

Accade solo due volte l'anno. Non è un fenomeno meteorologico, ma gli amanti del golf lo segnano in rosso sul calendario: si tratta della St. Andrews Golf Week.
foto-3Tony-Bowler-_-Shutterstock.com-

Foto: Tony Bowler / Shutterstock.com

Illustri figure di questo sport, come Tiger Woods, hanno trionfato a St. Andrews.
L

L’annuncio suscita tante aspettative quanto le più prestigiose passerelle del mondo della moda. Durante due settimane all’anno i giocatori di golf non professionisti possono sentire la stessa emozione che i partecipanti del british open nel campo scozzese di st Andrews, uno dei piu’ antichi del mondo. La st Andrews golf week si celebra nel 2016 dal 10 al 16 aprile e dal 16 al 22 ottobre. Sebbene si possa accedere durante tutto l’anno, que sta e’ la migliore opportunita’ di sentirsi come professionisti per i giocatori che non raggiungono l’handicap 24 per gli uomini e 36 per le donne.

Per questo evento, che si svolse per la prima volta nel 1974, le prenotazioni si esauriscono presto. Il numero dei partecipanti è limitato: 80 ad aprile e 40 a ottobre. Per quelli che quest’anno sono rimasti senza biglietti, sono già state annunciate le date per l’edizione 2017. La St. Andrews Golf Week offre anche la possibilità di migliorare il proprio livello di gioco, frequentando lezioni di perfezionamento impartite da professionisti del PGA, il circuito americano di golf. Una volta migliorata la tecnica, arriva il momento di metterla alla prova nelle competizioni individuali e di squadra che si svolgono ogni giorno.

La St. Andrews Golf Week offre anche la possibilità di migliorare il proprio livello di gioco, frequentando lezioni di perfezionamento.

Riposo domenicale

L'Old Course la domenica si riposa. Il campo da golf chiude le sue porte agli sportivi e le apre ai suoi vicini, affinché possano passeggiare per il "green". La regola viene infranta solo in occasione di eventi molto importanti, come la finale del British Open.

foto4

Foto: St Andrews Links Trust

L'insieme dei campi da golf di St. Andrews è conosciuto come "i link di St. Andrews".

L’ingresso permette di giocare lungo il suo percorso più famoso, l’Old Course. Con più di sei secoli di storia, qui hanno vinto figure emblematiche di questo sport, come Severiano Ballesteros, Tiger Woods o Jack Nicklaus. Oltre al leggendario Old Course, St. Andrews possiede altri quattro percorsi: The New Course, The Jubilee Course, Kingsbarns Golf Links e The Castle Course. Tutti si allontanano dal design convenzionale e dai limiti architettonici, e si fondono perfettamente con la natura.

foto5

Foto: St Andrews Links Trust

Il Golf British Museum si trova, come non potrebbe essere altrimenti, a St. Andrews.

Al di là del "green"

La spiaggia di West Sands è famosa quasi quanto il campo da golf di St. Andrews. Qui venne girata la corsa a rallentatore degli atleti nel film "Momenti di gloria". I suoi tre chilometri di dune si trovano a 15 minuti dal centro della città.

Durante la St. Andrews Golf Week, la storica città scozzese si dedica completamente a soddisfare le esigenze di vitto, alloggio e intrattenimento dei giocatori, che spesso prolungano il loro soggiorno per visitare i dintorni. L’Università di St. Andrews è la più antica della Scozia. Qui ha studiato il principe William d’Inghilterra. La cattedrale, adesso in rovina, è stata la più grande del Regno Unito.

Il contrasto dei campi verdi della “culla del golf” con l’azzurro del mare, insieme al fascino dei suoi antichi edifici, fanno di St. Andrews un luogo da scoprire, che ti piaccia o meno il golf.

06

Foto: St Andrews Links Trust

Il campo da golf di St. Andrews ha ospitato il British Open in ben 28 occasioni.

Crediti dell’immagine principale:Foto: St Andrews Links Trust

Testo: Erika González

Articoli simili

  • 001_DESTACADA_shutterstock_78020143_1a
    Perché andare alle isole Cayman, senza dover necessariamente aprire un conto in banca? Nel quinto centro finanziario del mondo non viene custodito solo vil denaro.
  • Foto destacada
    Il cinema trasformato in campagna turistica senza pari. Il film "Little Sister" del regista giapponese Hirokazu Kore'eda ha portato Kamakura nella "shortlist" delle destinazioni da visitare con una certa urgenza.
  • Imagen-destacada
    La capitale mondiale del divertimento può trasformarsi in un’oasi solo per due. Ti mostriamo il lato sconosciuto dell'isola dello sballo.
  • 001_DESTACADA_Ananda - Meditation
    Buddha diceva che la pace viene dall'interno e non c'è bisogno di cercarla fuori, ma in una "infinity pool" alle Maldive è molto più facile da raggiungere.
  • a_001_DESTACADA
    Vieni a conoscere il sud del Portogallo più esclusivo: ville con piscina privata, ristoranti con stelle Michelin e terrazze con vista sull'Atlantico.
  • c-001_DESTACADA
    Dopo che i "forty-niners" rasero al suolo le "dorate" terre della California, l' "outback" australiano scatenò un'altra febbre più silenziosa, quella dell'opale.
  • Foto destacada
    Gli sci sono minacciati dall'arrivo di nuovi concorrenti, le "fat bike". Le ruote delle biciclette si allargano per potersi muovere su ogni terreno, anche in alta montagna.
  • Foto-destacada
    A 30 gradi sotto zero anche il sudore si congela. La Maratona del Polo Nord, la corsa più a nord del mondo, non sarà facile per nessun "runner".
  • Imagen destacada
    L'evento sportivo dell'anno atterra per la prima volta in Sud America. La città brasiliana si prepara ad accendere la torcia olimpica, questa volta, tra le palme.
  • DESTACADA
    Al di là dell'esotismo, il surf scopre un nuovo aspetto del Marocco, più "hippie" e amante del neoprene. 3.500 chilometri di costa a caccia delle sue famose lunghe onde destre.
  • Imagen-destacada
    A febbraio Los Angeles diventa il luogo in cui si riuniscono le destinazioni più belle del pianeta e gli scenari cinematografici da premio Oscar.
  • foto-6
    Con le sue colline, le sue aspre scogliere e 15 vette di quasi 1.000 metri di altezza, la regione britannica del Galles è un paradiso per il trekking e per altri sport.
  • Questo sito si avvale di cookie propri per agevolare la navigazione e di cookie terzi derivanti dall’utilizzo sul sito, sui social network e per migliorarne l’utilizzo e la tematica con Google Analytics. I dati personali non vengono consultati. Se decidi di proseguire nella navigazione riterremo accettato il loro utilizzo da parte tua. Qui potrai modificare la configurazione oppure ottenere ulteriori informazioni.

    Rivista Passenger 6A

    Ricevi ogni mese la nostra rivista

    Quale destinazione Passenger ti piacerebbe scoprire in futuro?

    Apprezziamo il tuo contributo!