>>>Vivere un'avventura invernale nelle Isole Lofoten

Vivere un’avventura invernale nelle Isole Lofoten

Ci sono isole da visitare solo in estate, ma non in Norvegia. Il freddo, infatti, tira fuori la loro parte migliore.
“Una volta l’anno, vai in un posto in cui non sei mai stato”. Seguendo il consiglio del Dalai Lama, arrivo a Lofoten, un arcipelago di sette isole a nord della Norvegia e del Circolo Polare Artico. Il suo clima è la prima di molte sorprese. La temperatura è più mite rispetto a quella della Groenlandia o dell’Alaska, e il termometro ci dà una leggera tregua rimanendo al di sopra degli 0° gradi. Questo fenomeno è causato dalla corrente del golfo che mitiga le isole Lofoten dai Caraibi.
Il miglior periodo per vedere l'aurora boreale in Norvegia è da settembre a marzo.
Foto: Visitnorway.com / AuroraBorealis.no

Come a casa

L'opzione di alloggio più accogliente sono le "rorbu". Vecchie casette di pescatori dall'esterno in legno. Sono state trasformate in hotel dotati di salone, cucina, camera da letto, e alcune offrono persino una Jacuzzi all'aperto. Le viste sul mare sono un altro elemento che fa parte del loro fascino.

È da quando avevano 15 anni che Esben e Trond lavorano nelle torbide acque dell’Artico, e secondo i miei calcoli avranno circa 60 anni. Non è ancora uscito il sole, quando i due disormeggiano la nave. Salpiamo e navighiamo diverse miglia al largo dal porto di Grunnfarnes. Mi invitano a pescare. In un perfetto inglese mi raccontano che il giorno prima erano tornati in terraferma con tre tonnellate di “skrei”, il baccalà più raffinato del mondo. Unico, perché è possibile pescarlo solo a Lofoten, da febbraio ad aprile, quando gli esemplari arrivano dal mare di Barents per deporre le uova. Ma la loro giornata lavorativa non finisce quando questi pesci cadono nelle reti, dopo devono sbudellarli e appenderli in telai di legno all’aria aperta. Due a due, mentre si abbracciano inerti, i raggi del sole li colpiscono senza pietà creando la tipica immagine che acuisce il senso dell’olfatto. Resteranno così per tre mesi.
La pesca è una cosa seria a Lofoten, ed è celebrata in grande stile. Centinaia di turisti si recano ogni anno al porto di Svolvaer per assistere al Campionato Mondiale di Pesca del Baccalà, che si svolge l’1 e il 2 aprile. Vince chi riesce a pescare l’esemplare più grande. È affascinante la naturalità con la quale Lofoten sa sfruttare turisticamente il settore che è stato motore della sua economia.
Alcune capanne sono dotate di isolamento supplementare per resistere al freddo invernale.

Chi ha detto freddo?

Non tutti hanno il coraggio di surfare le enormi onde di Lofoten, ma per i più coraggiosi sono state disegnate mute di neoprene che permettono di farlo anche in inverno. Unstad è il posto migliore per lanciarsi all'avventura, probabilmente sotto l'occhio vigile di qualche foca.

Ma non è solo il lavoro a ruotare intorno al mare in questo arcipelago norvegese. Anche il tempo libero dipende da questo elemento. “Si sta sommergendo!” urla il capitano della grande barca in cui mi trovo con una dozzina di persone che partecipano ad un safari lungo la costa di Vesterålen. I più fortunati sono arrivati ​​in tempo per vedere come l’enorme coda di una balena scompare nelle profondità dell’oceano. “Può scendere fino a 3.000 metri, quindi sarà impossibile avvistarla nuovamente durante questo tour” ci spiega. I safari di inverno vengono organizzati da novembre a marzo e ci sono agenzie che garantiscono l’avvistamento di balene. Se durante la prima uscita in mare non si ha la fortuna di vederla, il tour viene ripetuto, o vengono rimborsati i soldi.
Unstad è caratterizzato da forti venti e onde corte. È il luogo perfetto per coloro che fuggono dalle spiagge affollate dai surfisti.
Foto: Nils-Erik Bjørholt - Visitnorway.com
Suona il mio cellulare riportandomi all’era moderna. Si tratta di una notifica di Norvegia Lights, la “app” che mi avvisa che l’aurora boreale sta per illuminare il villaggio di Laukvij. Il suo “Polarlight Center” organizza conferenze e mostre sulle aurore. Per qualche minuto, la magia si materializza in un vortice verde e viola che danza all’unisono nel cielo. Questo è il ritmo di Lofoten.

Articoli correlati

Il lato più selvaggio di Cuba

C'è vita oltre L'Avana e il suo Malecón. È la Cuba orientale della Bahía de Taco e Baracoa, che invita...

Il festival itinerante sul mar Adriatico

Da un'isola all'altra, fermandosi in sette destinazioni babiloniche della costa croata. Un'avventura edonista attraverso il paradiso, per godersi musica e...

L’isola al sicuro dai paparazzi

Lord Glenconner pagò 45.000 sterline nel 1958 per comprare Mustique. Questo prezzo, o anche più, è quello che dovrai pagare...

“Il Pakistan è il luogo più spettacolare in cui ho volato”

Ha sorvolato in parapendio i cieli di oltre 40 paesi ed è stato il primo a volare durante un'aurora boreale....