>>>La fine del mondo si trova in Tasmania

La fine del mondo si trova in Tasmania

Three Capes Track ha aperto al pubblico con la promessa di "accendere i sensi". Il percorso di trekking più atteso dai "bushwalker" si trova sul bordo di un precipizio, nella remota costa australiana.
La sua inaugurazione ha creato grandi aspettative: quasi dodici mesi prima di essere inaugurata, è stata nominata una delle “esperienze del 2015”. Il 23 dicembre è stato finalmente aperto il percorso Three Capes Track. Le prenotazioni sono esaurite da mesi.
Cape Pillar, Cape Hauy e Cape Raoul sono i protagonisti di questo paesaggio di ripide scogliere. Sporgendosi dal precipizio, ci si rende conto che ciò che si dice del Tasmania Parks and Wildlife Service è vero: è ciò che più assomiglia alla “fine del mondo”.
Il percorso è stato progettato per avere un minimo impatto ambientale.
Foto: Tasmania Parks and Wildlife

Il vero diavolo della Tasmania

Taz, il personaggio dei Looney Tunes, condivide solo il nome con l'animale reale. Infatti, il diavolo della Tasmania cammina a quattro zampe ed è piuttosto timido. Esiste solo in cattività sull'isola della Tasmania ed è il marsupiale carnivoro più grande del mondo.

Si tratta di un percorso di 46 chilometri tra Denman Cove e Fortescue Bay. In totale, quattro giorni e tre notti a piedi tra le scogliere più alte dell’Australia. Il viaggio inizia a Port Arthur, un’antica prigione trasformata in attrazione turistica e dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO. Da lì con un’eco-crociera si naviga fino all’inizio del circuito, e i delfini accompagnano i visitatori durante una parte del tragitto. Una volta sulla terra ferma, è il momento di allacciarsi i lacci degli stivali. Il percorso è stato progettato per essere semplice, con passerelle in legno, gradini scavati nella roccia e strade sterrate. Questa è la principale novità: non è necessario essere un professionista del “trekking” per vivere questa avventura. Ci sono pochissime salite e, anche quando piove, non si forma fango lungo il percorso. “È pensato per tutte le stagioni”, dicono orgogliosi i dipendenti del Tasmania Parks and Wildlife Service.
Ogni giorno si cammina tra 10 e 17 km, tranne per la prima parte del percorso che è possibile completare in appena due ore. Le grotte di Denman Cove e la foresta di eucalipti, all’inizio dell’itinerario, non devono deludere. Sono solo un assaggio di ciò che sta per arrivare. Durante i tre giorni successivi, le scogliere e il mare ti accompagneranno mentre camminerai sul bordo del baratro. “Sapevo che la costa della Tasmania era bella, ma non mi sarei mai aspettato il paesaggio che si è aperto davanti ai miei occhi”. Sono parole del fotografo/giramondo Michael Bonocore, dopo aver sorvolato i tre capi che danno il nome al percorso.
Il diavolo della Tasmania è stato dichiarato "specie protetta" nel 1941.
Foto: Bernhard Richter
È quasi come essere su un’isola deserta, incrocerai solo quattro o cinque persone lungo la strada. Fa parte del fascino di Three Capes Track. Possono accedere al percorso solo 48 persone al giorno, che è il numero di posti disponibili nelle capanne dove passare la notte. Queste strutture, dotate di tutto il necessario, aspettano gli avventurieri alla fine dell’itinerario di giornaliero. Sono dotate di materassi, utensili da cucina e prese per caricare dispositivi elettronici. Perché una cosa è essere all’altro capo del mondo, un’altra è non poterlo condividere con i tuoi amici su Facebook.
La parte finale del progetto avrà un costo di circa 4 milioni di dollari.
Foto: Tasmania Parks and Wildlife Service

Articoli correlati

Scopri l’Argentina del nord in sette colori

Le leggende raccontano che i bambini di Purmamarca, annoiati dal monocromatismo della montagna, passarono sette notti a colorarla. Oggi è...

Il paradiso surrealista di Edward James

Un milionario britannico, probabile figlio di un re, si addentrò nella foresta messicana per costruire il Giardino dell'Eden. Non è...

Portree: la colorata nota che stona

Il modo migliore per combattere il cielo grigio scozzese è dargli un po' di colore. In questo piccolo villaggio di...

Il paradiso del surf africano

Al di là dell'esotismo, il surf scopre un nuovo aspetto del Marocco, più "hippie" e amante del neoprene. 3.500 chilometri...