>>>L'ultimo paesaggio di "Revenant - Redivivo"

L’ultimo paesaggio di “Revenant – Redivivo”

Le riprese sono durate più del dovuto e la neve finì per sciogliersi. È stato necessario viaggiare fino alla "fine del mondo" per trovare la location perfetta. Ed è così che sono arrivati a Ushuaia.
“Posso citare 30 o 40 sequenze, che sono state alcune delle cose più difficili che abbia mai fatto in vita mia”. Immergersi in un fiume ghiacciato o dormire dentro la pelle di un animale morto sono solo alcune di loro. Per Leonardo DiCaprio, lo sforzo è stato premiato sotto forma di Oscar. Nei panni di Hugh Glass, è il protagonista assoluto dell’ultimo successo di Alejandro González Iñárritu, un’avventura epica in cui la lotta per la sopravvivenza prevale su tutto e tutti. Se c’è qualcosa capace di rubare l’inquadratura all’attore sono i paesaggi in cui si svolge l’azione.
"Vivevo in una ipotermia costante". Leonardo DiCaprio confessa che "Revenant - Redivivo" è stato il film più difficile della sua carriera.

Australis Kauyeken, campo base

Iñárritu e la sua troupe si installarono in questo hotel sulle pendici del Monte Olivia. Si tratta di una struttura autosufficiente, costruita con materiali locali. È perfetto per staccare la spina: a malapena arriva il segnale telefonico e non c'è Internet. Si trova a 15 minuti dalla stazione sciistica di Cerro Castor.

La maggior parte di loro appartiene a Kananaskis Country, un complesso di parchi circondato dalle Montagne Rocciose a Calgary (Canada). Una zona ampia e selvaggia, perfetta per imitare le terre vergini in cui si avventurano i “cacciatori” del film alla ricerca di pelli. Iñárritu ha cercato il più alto livello di realismo. Non ha voluto utilizzare chroma key né effetti speciali e ha girato solo con la luce del giorno. Ciò ha causato un ritardo nei programmi di ripresa, poiché ci sono stati giorni in cui si poteva lavorare solo per due o tre ore. La natura non conosce date di produzione, e il paesaggio innevato finì per scomparire costringendo la troupe a cercare un’alternativa. Si spostarono a 13.000 chilometri a sud, ad Ushuaia, il luogo più australe del mondo.
La Terra del Fuoco, nella Patagonia Argentina, si ricopre di bianco da fine giugno ai primi di ottobre. La troupe si trasferì nella zona del Monte Olivia, la cima più alta delle montagne di Ushuaia, dove sono state girate le scene che mancavano per completare il film. Ghiacciai, laghi e boschi compongono un panorama indomito, simile a quello che attraversò il personaggio interpretato da Di Caprio. Il “Revenant – Redivivo” è ambientato nel 1823, quando il West americano era ancora un territorio inesplorato dai coloni. Anche se la troupe si stanziò nella valle del fiume Olivia, avrebbe potuto scegliere le vicine Ande fueguine o il Ghiacciaio Martial, a soli 4 km dalla città di Ushuaia. La natura che la circonda, infatti, soddisfa i requisiti del copione: grande e quasi incontaminata dalla mano dell’uomo.
Il Monte Olivia si trova a 1.326 metri sopra il livello del mare.

L'attore giramondo

Se ti piace viaggiare... diventa attore. A Leonardo DiCaprio la professione l’ha portato in giro per mezzo pianeta. In "The Beach" ha conosciuto le isole Phi Phi, in Thailandia. "Blood Diamond - Diamanti di sangue" lo ha portato in Sud Africa e Mozambico, e con "Inception" ha viaggiato a Parigi. Diamo per scontato che andrà in aereo piuttosto che in transatlantico.

“La fine del mondo”, come è nota Ushuaia per la sua vicinanza all’Antartide, è uno dei luoghi più attraenti della Patagonia per praticare turismo d’avventura. Navigare nel Canale di Beagle ed esplorare l’Isola degli Uccelli, l’Isola dei Lupi o l’Isola Martillo, colonia di pinguini, sono alcuni dei percorsi chiave. Gli amanti del trekking preferiscono, invece, perdersi nel Parco Nazionale della Terra del Fuoco. Coloro che cercano di catturare la magia del paesaggio attraverso il loro obiettivo, si rechino ai Laghi Fagnano e Escondido. Quando verrà meno la luce del giorno per fare altre foto, si può sempre andare a vedere “Revenant – Redivivo” e continuare a godersi la vista sul grande schermo.
Le colonie di pinguini abitano l'Isola Martillo durante i mesi estivi, da ottobre ad aprile.

Articoli correlati

Ushuaia , con te fino alla fine del mondo

Non hai più scuse: puoi mantenere la promessa di portare il tuo partner a Ushuaia, in Argentina, la città più...

Dimmi quanti anni hai e ti dirò come viaggi

Non si viaggia allo stesso modo quando si hanno 20 e quando se ne hanno 50. La buona notizia è...

Treni a cinque stelle

Non è mai stato così ovvio: l'importante non è la meta ma il cammino. Ancor di più se il cammino...

Destinazione, inferno

La depressione della Dancalia, nel Corno d'Africa, è uno dei punti più caldi del pianeta. Con appena 60.000 abitanti, sono...