>>>Belize: ecoturismo a cinque stelle
Foto: Chaa-Creek

Belize: ecoturismo a cinque stelle

Lusso ed ecologia sono alleate nel Belize, il paradiso dell’ecoturismo. Hotel a cinque stelle con energia pulita e jacuzzi con acqua riciclata per turisti attenti alla salute del pianeta.
U

na notte all’anno gli ospiti dell’hotel Gaïa Riverlodge del Belize cenano a lume di candela. Non è un’iniziativa romantica né la veglia di San Valentino, è l’“Ora del pianeta” e l’hotel spegne completamente le sue luci per contribuire con il suo granello di sabbia alla campagna globale che lotta contro i cambiamenti climatici.

Ha anche una solida politica di riciclaggio e un orto ecologico, oltre ad aver sviluppato un proprio repellente organico con prodotti naturali. Tutto questo fa parte della sua decisa volontà di ridurre al minimo il suo impatto sull’ambiente e di non danneggiarlo. Una filosofia encomiabile e molto in voga, ma che in questo paese dell’America centrale è legge. Il governo del Belize ha promosso nel 2012 un programma di turismo sostenibile che impegna tutto il paese nella tutela dell’ambiente.

A diver on the coral reef, Belize
La barriera corallina del Belize è stata dichiarata Patrimonio dell’Umanità nel 1996.

Proteggere la seconda più grande barriera corallina

Una delle maggiori preoccupazioni dei beliziani è proteggere la loro barriera corallina, la seconda più estesa del mondo dopo quella australiana. Per questo è fondamentale sensibilizzare i turisti che si recano qui per praticare lo snorkelling o le immersioni a non toccarla e a non gettare spazzatura.

Il programma fissa i suoi obiettivi per il 2030 e contempla la protezione dell’ecosistema, la creazione di lavoro e l’aumento dei benefici che il turismo ha sul paese. Tutto il Belize si è rimboccato le maniche e ci sono già otto hotel certificati dai Green Globe, gli “Oscar” del turismo sostenibile. Per questo Leonardo Di Caprio ha scelto questa località per costruire il Blackadore Caye, il suo hotel eco-friendly, che aprirà nel 2018. Occupa tutta l’isola privata dell’attore, Cayo Sumba, e significherà, secondo lo stesso Di Caprio, “una sfida storica nel movimento a favore dell’ambiente”.

Uno degli hotel che ha già ricevuto un Green Globe è Chaa Creek. Inaugurato nel 1981, quando il paese ha ottenuto l’indipendenza dal Regno Unito. La sua proprietaria, Lucy Fleming, scherza dicendo che ha aperto “un eco-resort prima di aver mai sentito parlare di questo concetto”. Nelle sue esclusive ville si può godere di un panorama a 360° sulla giungla nella quale sono immerse. Oltre a praticare la religione del riciclaggio e ogni tipo di politiche verdi, Chaa Creek offre ai bambini un accampamento estivo. L’obiettivo è educarli alla biodiversità e il suo leitmotiv è costituito dalle “tre erre” (3 R): Ridurre, Riutilizzare e Riciclare.

Pensa globale, agisci locale

La coscienza ecologica mira anche a fornire un impulso alle comunità locali. Il resort Hamanasi partecipa al progetto “Pack for a Purpose”, che invita i turisti a lasciare spazio nelle proprie valigie per portare in hotel ogni tipo di articoli che possano servire alla popolazione locale. Nello specifico sono ben accolti materiale scolastico e medico per il vicino villaggio di Hopkins. Nel 2016 ha vinto il premio Eco-Excellence nella categoria Viaggio e la sua politica si basa sulle “tre pi” (3 P): persone, pianeta e profitto (dall’inglese “people, planet and profit”)

A pier on the coast of Belize
La costa del Belize presenta 100 tipi diversi di corallo e 500 specie di pesci.

The Cotton Tree Lodge ha avviato un programma di riforestazione di alberi di teak e mogano nel proprio terreno. Inoltre offre ai suoi ospiti la possibilità di partecipare a progetti di cooperazione con gli agricoltori locali, aiutandoli a curare le loro piantagioni o a costruire pollai e stufe ecologiche. Dispone di splendide camere costruite sugli alberi della foresta, dotate di tutte le comodità e i dettagli da albergo a cinque stelle. I resuidui organici vengono smaltiti tramite un sistema di autocompostaggio che utilizza alberi di banano per la sua generazione.

Tutti gli eco-resort del Belize utilizzano in qualche misura energie pulite, riciclano, molti producono frutta e verdura proprie e non utilizzano prodotti chimici dannosi per l’ambiente. Tuttavia l’ecologia non è in contrasto con il lusso in quanto è possibile usufruire di jacuzzi, capanne sugli alberi, maggiordomi personali, massaggi, spa o cene private esclusive nel cuore dalla foresta, il tutto nel rispetto del pianeta e senza sensi di colpa.

Articoli correlati

I mille metri più brillanti del mondo

Se è vero che ogni diamante venduto in qualsiasi parte del mondo ha fatto una visita ad Anversa, perché non...

Antigua e Barbuda e…. sposata

Qual è il segreto per essere il paese con il più alto tasso di matrimoni del mondo? Scopri il potere...

Il Ritz Paris riapre dopo 4 anni di restauro

El mítico hotel Ritz de París reabre al público fiel a la obsesión por los detalles de su fundador, César...

Gli “altri” Caraibi: un’oasi di pace inglese

Tortola, Virgin Gorda e Anegada sono le più importanti tra le circa cinquanta isole che formano questo paradiso, le Isole...