>>>Isole Cayman, non solo per milionari

Isole Cayman, non solo per milionari

Perché andare alle isole Cayman, senza dover necessariamente aprire un conto in banca? Nel quinto centro finanziario del mondo non viene custodito solo vil denaro.
7
:00 AM. Un uomo arriva al molo di George Town, la capitale di Grand Cayman, la più grande delle tre isole Cayman, dove attraccano ogni giorno i transatlantici. In mano non porta una valigetta ma una canna da pesca e una borsa termica con ghiaccio. La sua destinazione non è una delle banche del quinto centro finanziario del mondo. È una barca di 25 piedi di lunghezza da cui spera di pescare pesci wahoo, pagri o tonni per il suo ristorante, uno dei 200 a disposizione in quella che viene considerata la “capitale gastronomica dei Caraibi”. In questo paradiso fiscale sono registrati più ristoranti che persone e i conti bancari non sono le uniche cose a essere ben nutrite.
La porta di ingresso per le isole Cayman è George Town, la capitale di Grand Cayman.
Foto: Don McDougall. Cayman Islands Department of Tourism

La generosità viene ricompensata

Grand Cayman è una delle isole più ricche dei Caraibi. Il re Giorgio III concesse l'esonero dagli oneri fiscali a questo territorio britannico oltremare nel 1778. Questo gesto del re fu una ricompensa ai coloni dell'isola per aver salvato i sopravvissuti di un naufragio.

Il pesce di questa mattina si trova ora sul piatto di un ristorante, elaborato allo stile delle Cayman: impanato e cucinato con salsa di pomodoro, cipolla e peperoni. Viene servito anche con quella che viene chiamata “Caymankind”, un’ampio sorriso. Oltre a un pizzico di brezza caraibica: un cocktail con bourbon, succo d’arancia naturale, acetosa e limone. L’ampia offerta della cucina caraibica e internazionale dell’arcipelago viene arricchita da due grandi eventi annuali. Il Cayman Cookout è un incontro con chef di fama mondiale che offrono la possibilità di poter assaggiare e degustare i Caraibi attraverso i loro piatti. La cucina caraibica è la protagonista del festival Taste of Cayman, accompagnata da musica e fuochi d’artificio. La gastronomia locale si basa fondamentalmente sul pesce fresco, preparato in maniera semplice: stufato nel latte di cocco con verdure (coconut diner), alla brace o alla griglia, marinato, in padella o fritto. Tra i piatti più curiosi: zuppe o filetti di conchiglie di mare e tartaruga.
Visitare la Cayman Turtle Farm, dove vengono allevate tartarughe in cattività, è una delle attrazioni più popolari di Grand Cayman. Si tratta di un grande parco tematico marino, poco fuori George Town. Possiede una laguna con coralli, in cui è possibile fare un bagno con le tartarughe, una voliera di uccelli esotici, un acquario con specie marine predatrici e la piscina, con le cascate più grandi dell’isola. Una dele attività offerte ai visitatori è il bagno con le razze. Numerose barche salpano verso le acque cristalline di Stingray City per alimentare questi pesci, che si avvicinano tranquillamente ai bagnanti, lasciandosi accarezzare.
L'opzione più invidiata è quella che comprende l'affitto una villa privata.
Foto: Don McDougall. Cayman Islands Department of Tourism

Mance incluse nella fattura

Nei ristoranti è normale includere nella fattura un 15 o 18% per le mance. La percentuale aumenta o diminuisce a seconda delle dimensioni del gruppo e della qualità del servizio. In compenso, il prezzo è esente da imposte.

Quelli che desiderano spendere gli utili dei propri conti correnti, si concentrano nei resort situati lungo la Seven Mile Beach, una spiaggia a forma di mezza luna. Nove chilometri di spiaggia bianchissima e acque turchesi. Oltre a prendere il sole sdraiati sotto le palme, assaltano i negozi di lusso del lungomare, esenti da imposte.
Chi cerca l’intimità preferisce, invece, la tranquillità delle due isole più piccole: Cayman Brac e Little Cayman. Hanno spiagge di acqua limpida dove fare immersioni, come quelle di Spot Bay, lagune, mangrovie e grotte. Poi ci sono le leggende sui tesori nascosti e sui pirati, che si racconta avessero fatto delle isole Cayman il centro delle proprie operazioni.
Seven Mile Beach è considerata una delle migliori spiagge dei Caraibi.
Foto: Don McDougall. Cayman Islands Department of Tourism

Articoli correlati

Pirati, coccodrilli e altri racconti

Le loro spiagge raccontano leggende di corsari e tesori e una volta l'anno si riempiono di bandiere nere, con teschi...

Ibiza diventa intima

La capitale mondiale del divertimento può trasformarsi in un’oasi solo per due. Ti mostriamo il lato sconosciuto dell'isola dello sballo.

Immersioni tra i pinguini

Una delle attività subacquee più estrema è l’immersione sotto i ghiacci. Se sopporti queste bassissime temperature, potrai goderti l'acqua più...

L’ultima spiaggia deserta

L'isola paradisiaca di Phi Phi Leh sembra il set di un film, ma è reale: è possibile passeggiare lungo le...