>>>Sierra di Tramuntana, ispirazione dall’alto

Sierra di Tramuntana, ispirazione dall’alto

Potrebbe sembrare un sacrilegio parlare di Maiorca senza menzionare le sue spiaggie, ma non lo è. La più grande delle Isole Baleari offre anche alternative nell’entroterra: cercare l’ispirazione offerta dal panorama, godibile dai belvedere della Sierra di Tramuntana.
I

fotograti e i registi sognano di catturare quello che è conosciuto come il “raggio verde”, un fenomeno atmosferico che si verifica al tramonto all’orizzonte, dove il cielo e il mare si fondono. Lo scrittore Julio Cortázar, seguendo le orme di Jules Verne, studiò il fenomeno finché non riuscì a vederlo e a farne oggetto di un racconto. Fu proprio nella Sierra di Tramuntana che quella magia si verificò.

In questa zona montuosa che copre la parte nord-orientale di Maiorca (Spagna) non è necessario invocare le muse, queste si mostrano da sole attraverso i suoi quasi 100 chilometri di sentieri e cime, e i suoi 20 comuni, che sono stati fonte di ispirazione per molti artisti. Come Frédéric Chopin, che soggiornò a Valldemossa, uno dei paesi attraversati dalla Sierra, e dove oggi è possibile visitare un museo dedicato alla sua figura e alla sua musica. “È il posto più bello del mondo”, disse il musicista.

Torre del Verger, Serra de Tramuntana.
La Sierra di Tramuntana è stata dichiarata Area Naturale dal 2007.

Il percorso dell’arciduca

L’arciduca Luigi Salvatore d’Austria acquistò a Maiorca, alla fine del XIX secolo, diverse tenute che oggi formano un percorso conosciuto come il “Camí de S’Arxiduc”. Inizia a Valldemossa e passa attraverso le cime più importanti della Sierra di Tramuntana, oltre a luoghi che gli appartennero, come il Monastero di Miramar.

Per trovare l’ispirazione a Tramuntana bisogna perdersi e raggiungere altezze che arrivano fino a 1.500 metri, passare da un belvedere all’altro con il mondo ai propri piedi. Per la visuale dall’alto è imprescindibile raggiungere le due cime più importanti, Puig Major d’en Torrella e Massanella, che toccano quasi i 1.500 metri di altezza.

Nel belvedere di Ses Ànimes (delle anime), situato vicino alla località di Estellencs, nel sud della Sierra, si trova una torre difensiva costruita nel 1579, dichiarata Bene di Interesse Culturale. Secondo una leggenda, le anime dei defunti vagano in questa zona. Tuttavia sono i vivi che devono stare attenti, se soffrono di vertigini, all’affacciarsi da questa scogliera a precipizio sul mare.

Sa Creueta , Cabo de Formentor.
Il belvedere di Sa Creueta si trova a circa 230 metri sul livello del mare.

Anche il belvedere di Sa Creueta, a Formentor, offre un panorama incredibile. Situato vicino a Port de Pollença, da lì è possibile vedere l’isolotto di Colomer e Cala Bóquer, coperta di piccole palme prima di lasciare spazio a una spiaggia vergine di 80 metri. Il belvedere di Sa Foradada, tra Valldemossa e Deià, deve il suo nome a una roccia con un foro che è diventata una delle attrazioni principali della Sierra. Una foto al tramonto è fonte di ispirazione per qualsiasi instagramer.

Valldemossa, en Mallorca.
Stradine ripide, facciate in pietra e vegetazione rigogliosa caratterizzano la cartolina di Valldemossa.

Il belvedere di Ses Barques, tra Sóller e Fornalutx (quest’ultimo considerato uno dei paesi più belli di Spagna), è il preferito dagli escursionisti perché è la porta di accesso a molti percorsi. Quello che conduce a Clot de Déu e alla collinetta fortificata di Son Marc è un percorso tortuoso tra roccie alte. Altri luogi sembrano non essere stati intaccati dal passare del tempo, come l’eremo di Pare Catany, a Puig de Muleta, su una cima considerata “la montagna sacra di Sóller”.

Un’altra celebrità che rimase vittima del fascino di questa Sierra è stato l’autore britannico di “Io, Claudio”, Robert Graves. Nel 1929 soggiornò nel paesino di Deià e oggi, quella che fu la sua casa, è diventata un museo per la protezione dell’eredità culturale che ha lasciato a Maiorca. Da Gabriel García Márquez a Peter Ustinov, Ava Gardner, Winston Churchill e Audrey Hepburn, molti artisti sono passati da questa Sierra in cerca di ispirazione.

Articoli correlati

Baleari: vini di sole e acqua

Non sono il Rioja né il Ribera e non hanno nulla da invidiargli. I vini delle Baleari uniscono la storia...

Acquisti “made in Baleares”

Torneremo dalle Isole Baleari portando con noi, non soltanto il ricordo dei paesaggi, ma anche sandali, ceramiche e souvenir di...

Formentera: un eden aperto tutto l’anno

“Benvenuti in paradiso”, così recita lo slogan di Ses Illetes. E non mente. La spiaggia più famosa di Formentera unisce...

Ibiza e Formentera, pedalando contro gli stereotipi

Oltre a offrire divertimento e insenature idilliache, degne di Instagram, Ibiza e Formentera si presentano come le destinazioni perfette per...