>>>Tenerife al di là del Teide e delle spiagge

Tenerife al di là del Teide e delle spiagge

I suoi 342 chilometri di costa e la cima più alta della Spagna sono le sue attrazioni più note, ma la più grande delle Isole Canarie ha molto di più da offrire.
N

on si tratta di non farti il bagno nelle sue spiagge di sabbia nera. Né di ignorare i 3.718 metri del Teide che, anche volendo, sarebbe impossibile. Ma questi due incredibili punti d interesse, alle volte, mettono in secondo piano le altre ragioni per cui vale la pena visitare quest’isola canaria. Ti proponiamo sei programmi per quando deciderai di lasciare il telo mare e l’ombrellone in hotel.

Foto: ©Francisco Pérez Ortiz. Turismo de Canarias
1. Navigando con i delfini

Balenottere, delfini, orche, balene blu, ecc. Più di venti specie di cetacei abitano nelle acque di Tenerife (Atlantico del Nord). Sulla costa sud-occidentale, la migliore per il loro avvistamento, si trovano molte aziende che organizzano escursioni per osservare questi mammiferi nel loro habitat. I tour in barca, che partono dai porti di Los Cristianos, Puerto Colón e Los Gigantes, ne garantiscono l’avvistamento quasi al 100%, dal momento che nella zona sono presenti diverse popolazioni di delfini. I globicefali tropicali e i delfini tursiopi vivono durante tutto l’anno nelle acque calme di Tenerife, che possiedono abbondanti quantità di cibo. Per avvistare il resto delle specie, i migliori mesi dell’anno sono maggio e giugno.

Foto: ©Alex Bramwell / Lex. Turismo de Canarias
2. Swing tra le palme

A Tenerife ci sono otto campi da golf e due “pitch and putt”. La maggior parte si concentra a nord e a sud dell’isola, e alcuni di essi sono stati creati da grandi figure di questo sport: Severiano Ballesteros (Buenavista Golf), John Jacobs (Golf Las Americas), Donald Steel (Amarilla Golf), ecc. Il Real Club Tenerife Golf, fondato nel 1932, è il secondo club più antico della Spagna. Le sue 18 buche si trovano a 600 metri sul livello del mare e offrono delle spettacolari viste sul Teide. Grazie al suo clima primaverile, a Tenerife è possibile praticare questo e qualsiasi altro sport all’aperto quasi tutto l’anno.

3. Una passeggiata per la prima città delle Isole Canarie

San Cristóbal de La Laguna, a nord dell’isola, fu la prima città dell’intero arcipelago canario. La sua architettura coloniale ben conservata e la disposizione lineare delle sue strade gli valse il riconoscimento di Patrimonio Mondiale dall’Unesco nel 1999. Divisa in Città Alta e Città Bassa, la seconda fu la prima città-territorio tracciata secondo principi filosofici. Nei suoi ampi viali, vennero costruite chiese ed edifici pubblici dal XVI secolo in poi, combinando in questo modo una grande varietà di stili architettonici. La cattedrale, la chiesa di Cristo, i palazzi di Nava e Salazar e i conventi di Santa Clara e Santa Catalina sono le attrazioni più popolari.

4. Musica a Santa Cruz

Inaugurato nel 2003, l’Auditorium di Tenerife è il più grande centro di produzione artistica delle Isole Canarie. Motore culturale e sociale dell’isola, la sua progettazione venne realizzata dal famoso architetto Santiago Calatrava, che decise che il segno distintivo dell’edificio sarebbe stata un’ala sospesa a 50 metri di altezza sulla sala sinfonica. Al suo interno vengono organizzati cicli come Tenerife Danza, Jazz Atlantico, Musica del Mondo, Grandi Amici, ecc. E qui ha sede l’Orchestra Sinfonica di Tenerife. Si trova a Santa Cruz, all’estremo nord-est dell’isola.

Foto: © M.B.
5. Dai guachinches ai "Michelin"

Le case dei viticoltori di Tenerife cominciarono a diventare taverne quando, insieme al vino, iniziarono ad offrire piatti tipici della zona. È così che nacquero i guachinches, per smaltire l’ottimo vino di ogni stagione. Escaldón, carne de fiesta (carne di maiale marinata) e pesce salato con papas arrugadas sono ancora i piatti più comuni di queste taverne, aperte a chiunque desideri conoscere la gastronomia tradizionale delle Canarie. Queste ricette, piene di storia, convivono con l’innovazione proposta dai migliori ristoranti dell’isola. M.B. (gestito da Martín Berasategui e con due stelle Michelin), Abama Kabuki, Kazan, El Rincón de Juan Carlos e Nub (ciascuno con una stella Michelin) hanno posizionato Tenerife sulla mappa dell’alta cucina internazionale.

6. Spirito rurale

Quello di Masca è il borgo rurale più visitato di Tenerife. I turisti arrivano fino a questo luogo, situato sul massiccio del Teno, in cerca di qualcosa di più del binomio “sole e spiaggia”. Il paesaggio di questa zona del nord-ovest dell’isola è pieno di pendii e di burroni, ma possiede anche uno dei sentieri più frequentati. Il borgo di Masca è stato dichiarato Luogo di Interesse Etnografico e Storico, ed offre al visitatore molte possibilità: negozi di artigianato, ristoranti e un Museo Etnografico. Le sue stradine acciottolate e le sue case ben conservate sono il miglior esempio di architettura rurale a Tenerife.

Articoli correlati

La Costa del Sol e i suoi villaggi da cartolina

La provincia di Malaga è piena di splendenti villaggi, tipici delle regioni mediterranee: Frigiliana, Casares, Nerja... Scopri il tour attraverso...

33 abitanti, 30.000 libri

Ogni viaggiatore lascia un libro e ne porta via un altro. È la filosofia di Quintanalara, nella provincia di Burgos....

Il sentiero più pericoloso del mondo

Costruito sulle pareti del Desfiladero de los Gaitanes e poi abbandonato, il Caminito del Rey (Sentiero del Re) è diventato...

Ibiza diventa intima

La capitale mondiale del divertimento può trasformarsi in un’oasi solo per due. Ti mostriamo il lato sconosciuto dell'isola dello sballo.