>>>Un tuffo nel baratro

Un tuffo nel baratro

Le Cascate Vittoria sono un vero e proprio spettacolo della natura, ma i viaggiatori più intrepidi non hanno ragione di accontentarsi di una semplice fotografia da lontano, possono direttamente tuffarsi nella Piscina del Diavolo.
Le cascate si trovano al confine tra Zambia e Zimbabwe. Con una larghezza di 1.708 metri, le loro dimensioni sono quasi il doppio di quelle delle Cascate del Niagara e la loro altezza oscilla tra gli 80 e i 108 metri. Battezzate nel 1855 con il nome della regina Vittoria dall’esploratore David Livingstone, i locali le conoscono come Mosi-oa-Tunya, “il fumo che tuona”, nome dovuto all’enorme nuvola di vapore che si concentra su di esse.

Versione XXL

Le Cascate Vittoria sono tra le più ampie al mondo, e da cui cadono 550 milioni di litri di acqua al minuto.

In una delle cascate, nell’Isola Livingston, si trova questa piccola piscina naturale formata da una barriera di rocce. Se non fosse per il precipizio che c’è dietro, potrebbe essere una tranquilla laguna in cui trovare sollievo dal caldo. Le correnti e il rumore assordante dell’acqua che cade, ti riporteranno alla realtà.
Il periodo autorizzato per la balneazione è da fine agosto a gennaio (la stagione secca), poiché diminuisce la portata del fiume. In caso contrario, i bagnanti precipiterebbero nel vuoto a causa delle forti correnti. Se questo non fosse sufficiente a scoraggiare i più audaci, non resta che mettersi il costume e saltare… Non è superfluo avvertire che nuotare nella Piscina del Diavolo è un’attività rischiosa. Le guide autorizzate sono sempre presenti, ma si tratta di un’esperienza pensata per i nuotatori più esperti, poiché per raggiungere la piscina è necessario nuotare a zig-zag lungo un breve tratto per evitare le correnti del fiume. Se decidi di farlo, sii prudente ed evita di ingaggiare guide non autorizzate.
Una volta raggiunto il bordo della piscina potrai godere di un’esperienza a cui poche persone hanno accesso: una panoramica delle Cascate, non solo dall’alto, ma da dentro le loro acque. Porta con te la tua macchina fotografica subacquea, fingi di non preoccuparti del vuoto che hai alle tue spalle e sorridi. Avrai una foto irripetibile!
Ci sono cinque escursioni giornaliere all’Isola Livingstone, da dove potrai raggiungere la diabolica piscina. Accettano gruppi di massimo 16 persone. Potrai acquistarle da praticamente qualsiasi hotel di Zambia. Anche se, visto che sei arrivato fin qui, ti raccomandiamo un alloggio molto speciale: The Royal Livingstone, situato sul bordo del fiume Zambesi. Si tratta di un hotel di lusso che, secondo i suoi ospiti, ti farà sentire come in “La mia Africa”. È un’opzione di alloggio ideale, sia per la sua vicinanza alle cascate, sia per il fascino delle sue camere, che sembrano esotici “cottage”.

Articoli correlati

Cammina sulle acque in Irlanda

Il Sentiero The Gobbins, parte del percorso costiero del Selciato del gigante (Giant's Causeway) resuscita con nuove strutture, ma mantenendo...

Treni a cinque stelle

Non è mai stato così ovvio: l'importante non è la meta ma il cammino. Ancor di più se il cammino...

Lalibela: la Gerusalemme etiope

Tra le montagne di Lasta si cela la città monastica di Lalibela. I suoi templi furono scolpiti nella roccia vulcanica...

Vacanze in fattoria

I cittadini, stanchi del ritmo frenetico delle città, trovano rifugio tra gli orti e le stalle. La fattoria è la...